Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/246: DAL 2019 IN VIGORE LE NUOVE REGOLE DI GIOCO

Le norme ridotte a 24: ecco le principali novità


TREVISO - Erano trentaquattro le Regole del Golf; erano tante, e soprattutto abbastanza complicate da ricordare, per il neofita che le doveva capire, memorizzare, e poi correttamente applicare.Dal 1° gennaio 2019 sarà in uso una versione rivisitata, principalmente finalizzata ad una...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La Corte d'Appello di Venezia ha inflitto 4 anni e 6 mesi a una 46enne sudamericana

FACEVA PROSTITUIRE LA FIGLIA DI 16 ANNI: CONDANNA CONFERMATA

Secondo gli inquirenti la donna non poteva essere all'oscuro di tutto


VENEZIA - (gp) La Corte d'Appello di Venezia ha confermato la condanna a quattro anni e sei mesi di reclusione a carico della sudamericana di 46 anni accusata di aver fatto prostituire la figlia di appena 16 anni. La donna, difesa dall'avvocato Fabio Crea che ha già annunciato ricorso in cassazione, aveva dichiarato di essere sempre stata all'oscuro di tutto sostenendo che la figlia avrebbe fatto soltanto massaggi e che sarebbe stata lei stessa a pubblicizzarsi su internet. I giudici veneziani, così come stabilito in primo grado dal giudice Daniele De Fazio, hanno sentenziato che la sudamericana non poteva non sapere. Secondo gli inquirenti infatti non sarebbe verosimile che la 46enne non sapesse che i soldi che la baby squillo le passava ogni mese per contribuire al bilancio familiare derivassero da prestazioni sessuali e non da semplici massaggi. Non ci sono dubbi invece sul fatto che la giovanissima si reclamizzasse sul web anche con una sua foto, seppur con il volto oscurato: non sarebbe mai arrivata ad avere rapporti sessuali completi, limitandosi a massaggi ad alto tasso erotico o a preliminari molto espliciti. La ragazza, in qualche modo, avrebbe anche cercato di selezionare la clientela: pare accettasse infatti solo italiani e svolgesse una prima verifica con una breve conversazione al telefono. Al primo contatto venivano fornite indicazioni generiche sul luogo da raggiungere e una volta sul posto, veniva comunicato al cliente di turno l'indirizzo preciso. Il “giro” messo in piedi era comunque di una certa rilevanza: in media tre appuntamenti al giorno, tutti al pomeriggio anche se con alcuni periodi di interruzione, e l'attività sarebbe proseguita pure quando la famiglia andò in vacanza a Bibione. Gli uomini che arrivavano a bussare a quella porta erano in gran parte dalla Marca, ma non mancava chi proveniva da fuori regione con tariffe che andavano da 60 a 100 euro a prestazione.