Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/203: GARY WOODLAND È IL RE DEL PHOENIX OPEN

Vittoria allo spareggio, tra invasioni di campo e commoventi dediche


SCOTTSDALE (ARIZONA - USA) - dall’1 al 4 febbraio. È sul percorso del TPC, la sfida Waste Management Phoenix, l’Open supportato dalla Gestione dei Rifiuti, che, strano a dirsi, nell'economia dell'Arizona vale 389 milioni di dollari. Il montepremi è di 6.900.000 dollari,...continua

Cronaca
PILLOLE DI GOLF/202: AL FARMERS INSURANCE È IL GIORNO DI JASON DAY

Nel torneo al Torrey Pines si rivede anche il vero Tiger Woods


In California, nei due percorsi del Golf Torrey Pines, entrambi Par 72, si è giocato dal 25 al 28 gennaio, l’Open sostenuto dalla potente “Assicurazione Agricoltori” americana, con montepremi di 6.900.000 dollari, 1.200.000 dei quali, destinati al vincitore. Il Torrey...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/17: GARDAGOLF COUNTRY CLUB

Sulle colline attorno al lago si disputerà l'Open d'Italia


SOIANO DEL LAGO - È recente la notizia che l’Open d’Italia 2018 è stato assegnato a Gardagolf; andiamo ora a vedere dal vicino questo Club, la cui scelta è stata apprezzata dal gotha dirigenziale dell’European Tour.Di progetto squisitamente inglese (Cotton,...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

A giugno verrà pronunciata la sentenza nei confronti di un 48enne marocchino

PADRE-PADRONE A PROCESSO: IN AULA LA MOGLIE LO SCAGIONA

L'uomo è accusato di aver picchiato la moglie e i due figli minorenni


TREVISO – (gp) Dovrà attendere il prossimo 21 giugno per sapere se verrà giudicato o meno colpevole di maltrattamenti in famiglia. Un passo in favore di Bouazza el Alani, 48enne marocchino arrestato a febbraio dalla Squadra Mobile di Treviso per aver picchiato la moglie, una donna di 40 anni malata di sclerosi multipla, e il figlio di 13 anni e la figlia di 18, lo ha fatto proprio la moglie, sentita in aula dal giudice Michele Vitale. Una testimonianza, durata poco più di mezz'ora, nella quale la donna ha ridotto di molto il numero di episodi contestati, ha ridimensionato la violenza con la quale si sarebbero consumati, ma soprattutto ha chiesto che il marito possa tornare a casa dalla sua famiglia. Il giudice si è riservato la decisione sulla modifica della misura cautelare, passata dal carcere agli arresti domiciliari e da qualche settimana al divieto di avvicinamento ai familiari, e ha rinviato la discussione del processo che su richiesta del legale di El Alani, l'avvocato Alessandra Nava, verrà celebrato con rito abbreviato, che garantisce lo sconto di un terzo della pena in caso di condanna. Stando alle accuse il 48enne avrebbe avuto da anni l'assoluto dominio sulla compagna e le ragazzine: la prima sarebbe stata costretta a lavorare come badante per mantenere la famiglia visto che lui era disoccupato, le giovanissime invece avrebbero dovuto dividersi tra studio e lavori domestici, non avendo nessuno spazio ad amicizie o divertimento. La donna, non avrebbe sopportato più che il marito malmenasse anche il più piccolo dei figli, allora 12 enne, decise di mettere fine a quella situazione denunciando tutto alle forze dell'ordine il 22 dicembre scorso. In ben quattro occasioni, tra il 2010 ed il 2012, la donna sarebbe stata costretta a ricorrere alle cure del pronto soccorso dell'ospedale di Treviso per farsi medicare le ferite provocate dal marito. Ai medici la 40enne diceva sempre di aver avuto improbabili incidenti domestici, e in un frangente un incidente stradale. Circostanze che ha ribadito in aula scagionando di fatto il marito dalle accuse mosse contro di lui dagli inquirenti.