Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Mareno, in una lettera le scuse a moglie e figli, l'uomo si è sparato con una pistola

IMPRESARIO EDILE SI UCCIDE: NON RIUSCIVA A RECUPERARE I CREDITI

Ennesimo dramma, si toglie la vita il 62enne Stefano Da Fies


MARENO DI PIAVE - Ennesima tragedia dovuta alla crisi economica. Un imprenditore edile di 62 anni, Stefano Da Fies, si è tolto la vita nella tarda mattinata di oggi all'interno del capannone degli attrezzi attiguo alla sua abitazione in via San felice, a Soffratta di Mareno di Piave. L'uomo si è ucciso con un colpo di pistola, una vecchia Luger di fabbricazione tedesca, residuato bellico della seconda guerra mondiale. L'imprenditore lascia moglie Antonietta e due figli, a cui ha dedicato una lettera per spiegare le motivazioni del tragico gesto. In un'altra missiva il 62enne avrebbe espresso il dolore per la crisi che aveva attanagliato la sua azienda edile, dovuta principalmente al fatto che l'uomo non era riuscito a recuperare numerosi crediti vantati nei confronti di alcuni committenti. A peggiorare la situazione c'erano poi le continue richieste della banca che esigeva il pagamento dei debiti contratti. Una spirale fatale per Da Fies che oggi ha deciso di farla finita, uccidendosi con un'arma, dicono i carabinieri, di cui non era stata denunciata la detenzione.