Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/227: JUSTIN THOMAS SENZA RIVALI AL BRIDGESTONE INVITATIONAL

Il terzo evento del circuito World Golf Championship


AKRON (USA) - È Francesco Molinari a godere il favore degli spettatori. Lo divide con il leader mondiale Dustin Johnson, che di WGC ne ha già conquistati cinque. Anche Tiger Woods, riemerso grazie alla bella prestazione nell’Open Championship, è atteso con...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/226: UN BEL COMPLEANNO FESTEGGIATO SUL FAIRWAY

Torneo e party in onore di Luigino Conti, patron di Ca' della Nave


MARTELLAGO - Una Louisiana a due, per festeggiare il genetliaco di Luigino Conti, direttore del Club Cà della Nave, persona che sa farsi benvolere.Luigino, che ormai da tre anni ha assunto la dirigenza del Circolo trovando nel suo cammino un mare di difficoltà, è riuscito a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/225: CON L'ACI SI GIOCA NEL BOSCO DELLA SERENISSIMA

Al Golf Cansiglio il torneo promosso dall'Automobile Club


TAMBRE D'ALPAGO - L’Automobile Club d’Italia ha cura dei propri soci: al di là del suo compito d’istituto su tutto quanto è attinente all’automobile, mette a loro disposizione un Campionato italiano di Golf, che gira da aprile ad agosto, su 28 tra i...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Un 47enne di Spresiano a processo per lesioni aggravate, minacce, ingiurie e molestie

PICCHIA LA EX RAGAZZA E LE SFONDA UN TIMPANO, RINVIATO A GIUDIZIO

Vittima una 41enne, che lo ha denunciato dopo la fine della loro storia


SPRESIANO – (gp) Prima la storia d'amore, poi la persecuzione. E in mezzo una serie di litigi che sono costati il rinvio a giudizio per lesioni aggravate, minacce, ingiurie e molestie a un 47enne di Spresiano. A trascinarlo in tribunale la sua ex convivente, che di anni ne ha 41 e ha deciso di non costituirsi parte civile a processo, che in seguito agli schiaffi ricevuti nel corso di una delle loro litigate ha riportato lo sfondamento di un timpano, irrimediabilmente indebolito. Un episodio risalente al 2007 e che la donna, per paura di andare incontro alle ire del suo compagno, aveva deciso di non denunciare. La verità è però emersa quando, alla fine della loro storia d'amore, si era rivolta ai carabinieri per mettere fine alle telefonate e agli sms continui del suo ex. Era la fine del 2011 quando la 41enne, ormai stanca di quel rapporto giunto al capolinea, aveva trovato il coraggio di lasciare quell'uomo per rifarsi una vita. Una decisione che sembrava condivisa dal partner, almeno all'inizio. Dopo un paio di settimane il cellulare della presunta vittima iniziò a ricevere telefonate ed sms a tutte le ore del giorno. Più che chiacchierate e messaggi sarebbero però stati una lunga serie di minacce e di insulti. E col passare dei giorni, stando alla denuncia, sarebbe aumentata anche la frequenza di questi episodi, tanto da spingere la 41enne ad andare a raccontare tutto ai carabinieri. Fu proprio durante il colloquio con i militari che gli spettri del passato vennero a galla: la donna, rispondendo alle domande dei carabinieri, ricostruì le varie fasi di quel rapporto e raccontò anche del timpano sfondato. A quel punto l'indagine per lesioni gravi, visto che la prognosi fu superiore ai 40 giorni e che i danni all'udito sono di fatto permanenti, scattò d'ufficio. Il 47enne, oltre ai reati di manaccia, ingiuria e molestie, venne così iscritto nel registro degli indagati anche per quello di lesioni gravi. Finito di fronte al gup Silvio Maras l'uomo, difeso dall'avvocato Enrico Marignani, è stato rinviato a giudizio e dovrà presentarsi a processo a dicembre.