Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Rina Biz: "Siamo stati e vogliamo continuare a essere un servizio per la comunità"

"INSIEME SI PUÒ": 450 SOCI ALLA FESTA PER I 30 ANNI DELLA ONLUS

Presente il Vescovo monsignor Gianfranco Agostino Gardin


TREVISO - Questa mattina, sabato 8 giugno, all'auditorium Fondazione Cassamarca di Treviso si sono tenuti i festeggiamenti del trentennale della cooperativa sociale "Insieme si può". Significativa la partecipazione che ha visto oltre 450 soci, dei 1260 della onlus, partecipare con entusiasmo alla festa di questo importante traguardo. Ad aprire la mattina, le votazioni del bilancio 2012 e il rinnovo delle cariche del CdA. Come da bilancio approvato "Insieme si può" si dimostra una realtà sana, vera e propria "azienda di servizi" che cresce e dà risposte concrete alla domanda di servizi del territorio. Il fatturato è di 34 milioni di euro e l'utile realizzato nel 2012 supera i 92 mila euro.Tra i momenti salienti della giornata, l'arrivo del vescovo di Treviso, monsignor Gianfranco Agostino Gardin, che intorno alle 10 ha presenziato per dare la benedizione. L'alto prelato ha voluto sottolineare così l'importanza di "Insieme si può": "Sono qui oggi a dare la benedizione ma la benedizione siete proprio voi per l'apporto, il sostegno e la solidarietà che siete capaci di portate tra la gente e dare alla comunità di questo nostro territorio". A seguire, i racconti delle due fondatrici, Rina Biz e Annita Leuratti che hanno ribadito: "Siamo stati e vogliamo continuare a essere un servizio per la comunità e per i cittadini, soprattuto fragili, perchè questo è nel nostro Dna. La grinta e la determinazione ci spingono ad andare avanti, e mi riferisco a tutti i soci che quotidianamente vivono e si appassionano al loro lavoro, che è servizio alle Usl, ai malati di mente, agli anziani, ai giovani e ai bambini. Noi vogliamo continuare su questa strada, con tanta passione e con tanto amore" e sul futuro sottolineano:" Sarà come sempre neseccario lavorare in sinergia, per fare "bene il bene" bisogna essere uniti, tutti insieme, la cooperativa, i suoi soci lavoratori e le istituzioni. Proprio in questa "vicinanza" c'è la nostra forza".Tra i presenti anche il presidente della provincia di Treviso, Leonardo Muraro che ha consegnato una targa alle due fondatrici, sottolineando con queste parole l'importanza di "Insieme si può": " Il cooperativismo riveste più che mai in questo momento di crisi economica, un ruolo fondamentale. Negli ultimi 11 anni il cooperativismo è cresciuto del 14 per cento in termini di valori umani, di persone e di aziende. Il sociale e l'attivismo sono quindi determinanti e danno una grande mano alle istituzioni trevigiane".