Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Torna il aula a metà luglio il caso del centro estetico di Mareno di Piave

CENTRO MASSAGGI A LUCI ROSSE: A PROCESSO I TITOLARI DEL "SOLE"

Secondo l'accusa la struttura era in realtà una casa d'appuntamenti


MARENO DI PIAVE – (gp) Dopo lo stop del processo dovuto a una questione di nullità sollevata dalle difese che ha spinto il giudice a rispedire gli atti al pm, a metà luglio torna il aula il caso del centro massaggi a luci rosse di Mareno di Piave. Alla sbarra, con l'accusa di sfruttamento della prostituzione, il titolare trevigiano del “Sole” e la sua socia romena nonché convivente. Il centro estetico era finito al centro di un'inchiesta della Guardia di Finanza di Padova volta a smascherare delle vere e proprie case d'appuntamento. Le indagini, condotte direttamente all'interno della struttura, avevano permesso di appurare come fossero tre le massaggiatrici che prestavano servizio nel centro, due rumene in arte “Elena” e “Luana”, e un'italiana, “Vanessa”. Orario continuato, sette giorni su sette, le tre donne offrivano prestazioni per tutti i portafogli: 50 euro per l'ingresso al centro, con extra che partivano da 30 euro fino ai 150 per il più gettonato massaggio integrale. Tutti italiani i clienti, di tutte le età e dalla capacità economiche notevoli. Al momento del blitz della Guardia di Finanza, in attesa del proprio turno c'era un facoltoso trevigiano di 71 anni.