Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il progetto "Home care premium" varato da Inps e Ulss

SOSTEGNI PER L'ASSISTENZA A DOMICILIO PER I DIPENDENTI PUBBLICI

Contributi ai non autosufficienti per badanti, apparecchi o servizi


TREVISO - Contributi per assistere a casa loro ammalati, disabili o anziani non autosufficienti. E' il progetto “Home care premium 2012” messo in atto dall'Inps, tramite la collaborazione dell'Ulss 9 di Treviso e Oderzo. Potranno beneficiarne i dipendenti pubblici, anche in pensione, i loro coniugi conviventi e i familiari di primo grado: almeno per una prima fase, è previsto un tetto massimo di 130 persone per i 37 comuni dell'azienda socio-sanitaria. Due i requisiti che verranno incrociati: innanzitutto il reddito dell'intero nucleo familiare, che dovrà essere compreso tra 56mila e 72mila euro (certificati Isee). L'iniziativa, infatti, è rivolta a chi non è abbastanza povero per accedere ai servizi pubblici, e, allo stesso tempo, non sufficientemente abbiente per rivolgersi al privato. In secondo luogo, verrà valutato, a cura degli assistenti sociali, il grado di non autosufficienza. Le famiglie coinvolte potranno ricevere un assegno mensile, fino a 1.300 euro per assumere una badante professionale (ovviamente in regola), ma anche la possibilità di usufruire, gratuitamente, di corsi di formazione, di “sollievo” (ovvero periodi di sostituzione nell'assistenza del parente disabile), frequenza ai centri diurni, installazione di attrezzature e apparecchi specifici, accompagnamento e trasporto.

“I fondi derivano dalla trattenuta mensile dello 0,35% che ogni dipendente pubblico in servizio ha sulla propria busta paga – spiega Carla Zia, della direzione regionale dell'Inps -. Dunque si tratta di un vero e proprio autofinanziamento: soldi dei dipendenti pubblici che tornano ai dipendenti pubblici”. “Questo progetto – aggiunge Ubaldo Scardellato, direttore dei Servizi sociali dell'Ulss 9 – si inserisce in pieno nella politica di promuove l'assistenza sociale a domicilio avviato dalla Regione”.

Le domande devono essere presentate esclusivamente per via telematica, previa richiesta di Pin, tramite il sito www.inpdap.gov.it o www.inps.it. Per assistenza ci si può rivolgere ai numeri 803164 o 06/164164, oppure ancora allo sportello dell'Ulss 9 a palazzo Moretti, dal lunedì e venerdì, dalle 8.30 alle 12.30.