Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il progetto "Home care premium" varato da Inps e Ulss

SOSTEGNI PER L'ASSISTENZA A DOMICILIO PER I DIPENDENTI PUBBLICI

Contributi ai non autosufficienti per badanti, apparecchi o servizi


TREVISO - Contributi per assistere a casa loro ammalati, disabili o anziani non autosufficienti. E' il progetto “Home care premium 2012” messo in atto dall'Inps, tramite la collaborazione dell'Ulss 9 di Treviso e Oderzo. Potranno beneficiarne i dipendenti pubblici, anche in pensione, i loro coniugi conviventi e i familiari di primo grado: almeno per una prima fase, è previsto un tetto massimo di 130 persone per i 37 comuni dell'azienda socio-sanitaria. Due i requisiti che verranno incrociati: innanzitutto il reddito dell'intero nucleo familiare, che dovrà essere compreso tra 56mila e 72mila euro (certificati Isee). L'iniziativa, infatti, è rivolta a chi non è abbastanza povero per accedere ai servizi pubblici, e, allo stesso tempo, non sufficientemente abbiente per rivolgersi al privato. In secondo luogo, verrà valutato, a cura degli assistenti sociali, il grado di non autosufficienza. Le famiglie coinvolte potranno ricevere un assegno mensile, fino a 1.300 euro per assumere una badante professionale (ovviamente in regola), ma anche la possibilità di usufruire, gratuitamente, di corsi di formazione, di “sollievo” (ovvero periodi di sostituzione nell'assistenza del parente disabile), frequenza ai centri diurni, installazione di attrezzature e apparecchi specifici, accompagnamento e trasporto.

“I fondi derivano dalla trattenuta mensile dello 0,35% che ogni dipendente pubblico in servizio ha sulla propria busta paga – spiega Carla Zia, della direzione regionale dell'Inps -. Dunque si tratta di un vero e proprio autofinanziamento: soldi dei dipendenti pubblici che tornano ai dipendenti pubblici”. “Questo progetto – aggiunge Ubaldo Scardellato, direttore dei Servizi sociali dell'Ulss 9 – si inserisce in pieno nella politica di promuove l'assistenza sociale a domicilio avviato dalla Regione”.

Le domande devono essere presentate esclusivamente per via telematica, previa richiesta di Pin, tramite il sito www.inpdap.gov.it o www.inps.it. Per assistenza ci si può rivolgere ai numeri 803164 o 06/164164, oppure ancora allo sportello dell'Ulss 9 a palazzo Moretti, dal lunedì e venerdì, dalle 8.30 alle 12.30.