Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il progetto "Home care premium" varato da Inps e Ulss

SOSTEGNI PER L'ASSISTENZA A DOMICILIO PER I DIPENDENTI PUBBLICI

Contributi ai non autosufficienti per badanti, apparecchi o servizi


TREVISO - Contributi per assistere a casa loro ammalati, disabili o anziani non autosufficienti. E' il progetto “Home care premium 2012” messo in atto dall'Inps, tramite la collaborazione dell'Ulss 9 di Treviso e Oderzo. Potranno beneficiarne i dipendenti pubblici, anche in pensione, i loro coniugi conviventi e i familiari di primo grado: almeno per una prima fase, è previsto un tetto massimo di 130 persone per i 37 comuni dell'azienda socio-sanitaria. Due i requisiti che verranno incrociati: innanzitutto il reddito dell'intero nucleo familiare, che dovrà essere compreso tra 56mila e 72mila euro (certificati Isee). L'iniziativa, infatti, è rivolta a chi non è abbastanza povero per accedere ai servizi pubblici, e, allo stesso tempo, non sufficientemente abbiente per rivolgersi al privato. In secondo luogo, verrà valutato, a cura degli assistenti sociali, il grado di non autosufficienza. Le famiglie coinvolte potranno ricevere un assegno mensile, fino a 1.300 euro per assumere una badante professionale (ovviamente in regola), ma anche la possibilità di usufruire, gratuitamente, di corsi di formazione, di “sollievo” (ovvero periodi di sostituzione nell'assistenza del parente disabile), frequenza ai centri diurni, installazione di attrezzature e apparecchi specifici, accompagnamento e trasporto.

“I fondi derivano dalla trattenuta mensile dello 0,35% che ogni dipendente pubblico in servizio ha sulla propria busta paga – spiega Carla Zia, della direzione regionale dell'Inps -. Dunque si tratta di un vero e proprio autofinanziamento: soldi dei dipendenti pubblici che tornano ai dipendenti pubblici”. “Questo progetto – aggiunge Ubaldo Scardellato, direttore dei Servizi sociali dell'Ulss 9 – si inserisce in pieno nella politica di promuove l'assistenza sociale a domicilio avviato dalla Regione”.

Le domande devono essere presentate esclusivamente per via telematica, previa richiesta di Pin, tramite il sito www.inpdap.gov.it o www.inps.it. Per assistenza ci si può rivolgere ai numeri 803164 o 06/164164, oppure ancora allo sportello dell'Ulss 9 a palazzo Moretti, dal lunedì e venerdì, dalle 8.30 alle 12.30.