Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Castelfranco, appartamento in affitto a 500 euro, senza però registrare il contratto

MINACCE ALL'INQUILINO, AGENTE IMMOBILIARE DENUNCIATO

Bossolo di pistola recapitato ad un 29enne, 43enne incastrato dal Ris


CASTELFRANCO - Prima le minacce pesanti, poi gli insulti e quindi un bossolo lasciato nella cassetta delle lettere: una chiara minaccia di morte, quasi di stampo mafioso. Bersaglio di queste intimidazioni un operaio 29enne che dal mese di novembre scorso vive in un appartamento alla periferia di Castelfranco. A minacciarlo così pesantemente era proprio il suo affittuario, un agente immobiliare di 43 anni: dopo aver ritrovato il bossolo, nell'aprile scorso, il giovane inquilino si è subito rivolto ai carabinieri. Tra i due non correva di certo buon sangue: l'operaio, costretto a pagare un affitto di 500 euro, in nero, si era rivolto all'Agenzia delle Entrate, a febbraio, ed aveva scoperto che il contratto d'affitto non era mai stato registrato. In buona sostanza il 29enne pagava un affitto, piuttosto alto e per giunta in nero. In base alla legge l'inquilino, dopo aver provveduto alla registrazione, poteva così versare al locatario un affitto minimo, per una durata di 8 anni, corrispondente al valore catastale dell'immobile: in questo caso 122 euro. Da li sono cominciate le minacce, gli insulti, gli sms inquietanti, le telefonate: una persecuzione quasi quotidiana per costringere l'inquilino ad andarsene. Le indagini, coordinate dal comandante di stazione Antonio Curro', hanno rapidamente incastrato il responsabile. A dare la certezza che a compiere l'atto intimidatorio fosse proprio l'agente immobiliare sono state le analisi effettuate dal Ris di Parma sul bossolo. Gli investigatori, attraverso un esame balistico, hanno infatti rilevato che questo era stato esploso da una pistola di proprietà del 43enne. I militari, oltre a denunciare l'agente immobiliare per minaccia aggravata, ingiurie e molestie, hanno sequestrato sia l'arma che un fucile a pompa; la Prefettura ora valuterà il ritiro del suo porto d'armi.


Galleria fotograficaGalleria fotografica