Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Di Santo (Credito trevigiano): "Imprese e cittadini non chiedono più prestiti"

DUE MILIARDI DI FINANZIAMENTI IN MENO NEL 2012 DALLE BANCHE

Il presidente di Camera di commercio Tognana: "Senza credito è dura"


TREVISO - Resta il credito uno dei principali nodi per il rilancio della Marca. Nel 2012, le banche trevigiane hanno ridotto i finanziamenti dell'8,1% rispetto all'anno precedente. Vale a dire due miliardi di euro di risorse nel territorio. L'allarme è stato lanciato da Nicola Tognana, presidente della Camera di commercio, in occasione dell'11esima giornata dell'economia celebrata oggi. “La vedo critica, se il credito non torna ad essere cinghia di trasmissione dell'economia”, ha ribadito nella sua relazione il numero uno dell'ente di piazza Borsa. L'anno scorso le sofferenze bancarie sono aumentate del 15,7% in provincia, facendo salire la quota sugli impieghi da 5,33 a 6,13.

Ancora una volta, unica ancora di salvezza per le imprese nostrane è l'export: a crescere in misura maggiore sono soprattutto i paesi extra Unione Europea: più 30,7% in Medio Oriente, più 26% in Nord America, più 18,5% in Africa Settentrionale, nei primi tre mesi del 2013.

“Ma questo vale solo per quel 35% di imprese esportatrici”, avverte Tognana. Il presidente della Camera di commercio ribadisce come Treviso e il Veneto facciano parte di un “hub”, un complesso produttivo manifatturiero, che comprende anche le regioni meridionali della Germania e della Francia.

Sui finanziamenti bancari, però, Nicola Di Santo, presidente di Credito Trevigiano, sottolinea come il calo sia dovuto, oltre a regole più stringenti, anche ad una netta contrazione della richiesta da parte di cittadini ed aziende