Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Morgano, sul posto Suem, vigili del fuoco e polstrada ma non trovano nulla

TELEFONATA D'ALLARME "C'È UN INCIDENTE": ERA UNO SCHERZO

E' caccia ai burloni: rischiano una denuncia per procurato allarme


MORGANO - “C'è un grave incidente con feriti, qui a Badoere”. Era di questo tenore la telefonata giunta al centralino del Suem118 nel primissimo pomeriggio di oggi, alle 13.44: a chiedere l'intervento di soccorso era la voce di un ragazzo, molto giovane. Quando le due ambulanze mobilitate per l'occasione sono giunte sul posto dell'incidente i paramedici hanno però scoperto di essere stati vittima di uno scherzo, di pessimo gusto da parte di ignoti. Sul posto è arrivata una pattuglia della polizia stradale, i vigili del fuoco ed i carabinieri, tutti buggerati a loro volta. La telefonata, stando all'indagine avviata dai carabinieri, sarebbe partita da una cabina telefonica della zona: gli autori, si sospetta di un gruppetto di ragazzi, rischiano ora una denuncia per procurato allarme.