Copertura
Cerca nel sito
Economia
CQ-COLOMBEROTTO, UNA FILOSOFIA PER UNA MIGLIORE QUALITÀ DI VITA

Azienda leader nella filiera della sana alimentazione


MORIAGO DELLA BATTAGLIA - Ospite di questa puntata di "Capitani d'eccellenza" l'imprenditore Loris Colomberotto, AD della Colomberotto spa di Moriago della Battaglia, azienda leader nell'allevamento...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia


 

14/06/2013

Decisione presa dalla società di trasporti e dall'amministrazione comunale

RIMOSSO DALL'INCARICO L'AUTISTA DELLO SCUOLABUS DI MASERADA

Si avvicina l'accordo con la famiglia del 12enne picchiato e minacciato


MASERADA - (gp) L'autista dello scuolabus denunciato per lesioni e minacce con l'aggravante dell'odio razziale l'anno prossimo non guiderà più il pullman degli alunni. Questo l'esito dell'incontro, che alla fine c'è stato, tra l'amministrazione comunale di Maserada e la ditta che si è aggiudicata l'appalto per il servizio di trasporto degli studenti. Una decisione presa dalla stessa società di trasporto che l'ha comunicato al sindaco Floriana Casellato. Il primo cittadino, rientrato da Roma, ha partecipato all'incontro assieme al dirigente scolastico e ai due assessori al sociale e all'istruzione Romeo Schiocchetto e Marisa Romeo. Il conducente del mezzo, consapevole del grave gesto commesso, è stato anche rimproverato di non aver segnalato prima il comportamento di disturbo che avrebbe tenuto il dodicenne nelle settimane precedenti al fatto, datato 4 giugno. A maggior ragione se l'incolumità degli altri studenti fosse stata messa in pericolo. Il sindaco Casellato ha poi ribadito che l'uomo non doveva reagire anche nel caso in cui fosse stato provocato in quanto si tratta comunque di un adulto che se la prende con un bambino. A questo punto, incassato il provvedimento della ditta, l'amministrazione si è detta disponibile a fare da mediatore con l'avvocato Davide Favotto, che tutela la famiglia del ragazzino, almeno per facilitare i contatti tra le parti. Un accordo insomma sembra essere più vicino, anche se il contatto diretto tra il legale e l'autista non ci sarebbe ancora stato.