Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Task force per la movida estiva: controlli a Spresiano e al "Vela summer" di Resana

BARISTA CLANDESTINO IN NERO STANGATA PER LO "YES BANANA"

Sospesa l'attività del locale, pizzicato al lavoro brasiliano 27enne


SPRESIANO - Due lavoratori in nero e tra questi un barista brasiliano di 27 anni con il permesso di soggiorno scaduto nell'agosto dello scorso anno. Questo quanto è emerso durante un controllo svolto sabato scorso al bar ristorante “Yes Banana” di Spresiano. Ad effettuare l'ispezione sono stati gli agenti della sezione amministrativa della Questura, vigili del fuoco ed ispettori della direzione territoriale del lavoro e dell'Inail. L'attività del locale, di proprietà di una 37enne brasiliana, è stata temporaneamente sospesa con l'obbligo di pagare la sanzione prevista per i due lavoratori irregolari che corrisponde a circa 4mila euro. Il sudamericano, invitato a regolarizzare la sua posizione pena l'espulsione, è stato denunciato per immigrazione cladestina e mancata esibizione dei documenti, permesso di soggiorno e passaporto. Il locale è stato multato anche per l'assenza della cartellonistica anti-incendio e dei prezzi praticati. La task force coordinata dalla Questura per monitorare la movida estiva della Marca ha fatto visita, sempre sabato scorso, anche al “Vela summer” di Resana che è stato sanzionato solo in via amministrativa per circa 8mila euro. Gli ispettori hanno riscontrato l'assenza dell'alcooltest e della cartellonistica anti-fumo. Al vaglio inoltre le posizioni lavorative di 4 dei 19 dipendenti del locale. Ma intanto, come detto, continua l'opera di controllo delle festa private. “Non tollereremo che vengano organizzate in luoghi non sicuri”: avverte la Questura. La scorsa settimana la sezione amministrativa è stata costretta a diffidare gli organizzatori di una festa studentesca degli istituti “Palladio” e “Mazzotti” che avrebbe dovuto svolgersi presso un centro sportivo di Nervesa, ritenuto dagli ispettori non idoneo. I giovani, circa 800 in tutto, hanno potuto festeggiare la fine dell'anno scolastico presso l'open park tennis di Villorba.