Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

San Vendemiano, tensione negli uffici del Comune, quattro agenti feriti

BOTTE AI POLIZIOTTI, ARRESTATI GIANCARLO E MARIO BORSOI

Il sit in dell'ex benzinaio finisce in rissa, a dargli man forte il fratello


SAN VENDEMIANO - Dalla protesta per il caro-carburante per la sua ormai ex pompa di benzina Erg di viale 4 novembre a Treviso, a cui si era incatenato, ad una cella di sicurezza del Commissariato di Conegliano. Arrestato dagli agenti per resistenza a pubblico ufficiale e lesioni Giancarlo Borsoi ed in manette, per lo stesso motivo anche il fratello Mario. Il primo aveva dato avvio stamani, presso la sala d'attesa del Comune di San Vendemiano, ad un'ennesima manifestazione di protesta, incatenandosi e dichiarandosi "prigioniero politico" e chiedendo "la cittadinanza veneta". Sul posto erano presenti, per controllare la situazione, gli agenti della polizia locale e la polizia. Il clima si è fatto incandescente quando presso il municipio è arrivato anche il fratello di Giancarlo, Mario Borsoi. L'uomo ha prima minacciato di lanciare un estintore verso le impiegate e poi ha estratto dalle tasche due cartucce da fucile. "Sono solo le prima, ne seguiranno altre": ha riferito minaccioso ai poliziotti. Quando gli agenti cercano di bloccarlo ne nasce una furibonda rissa a cui partecipa, dopo essersi tolto le catene, anche Giancarlo Borsoi. Una scena da saloon (ad un agente è stato morso un dito, un altro ha subito un tentativo di strangolamento) che si conclude con l'arresto di entrambi i contendenti e l'arrivo di un'ambulanza del Suem118 che ha medicato i quattro agenti coinvolti: tutti hanno riportato una prognosi di circa 15 giorni.