Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Stoccata a Grillo: "Non bastano blog e tsunami tour"

VARDANEGA: "LAVORO E IMPRESA UNITI PER EVITARE IL BARATRO"

L'appello del presidente all'assemblea 2013 di Unindustria


CONEGLIANO - Un'alleanza tra tutte le componenti della società, comprese la politica e le istituzioni, per uscire dalla grave crisi in cui il paese sta precipitando sempre più. Dall'assemblea generale 2013 di Unindustria Treviso, il presidente Alessandro Vardanega lancia un appello all'unità.

Oltre duemila partecipanti si sono ritrovati alla Zoppas Arena di Conegliano, per l'assise annuale dell'associazione, con quasi 2.300 iscritti la terza struttura provinciale di Confindustria.

"Impresa, lavoro, società": il titolo scelto per la riunione. E sull'indispensabile collaborazione tra questi tre elementi ha insisitito molto il leader degli industriali di Marca: "Dobbiamo mettere tutte le nostre energie per uscire dal baratro di decadenza economica, sociale e morale nel quale stiamo lentamente scivolando. Dobbiamo farlo avviando una nuova fase fondata su rinnovate virtù civili e su un nuovo patto sociale.", ha ribadito Vardanega. A differenza delle edizioni precedenti, quest'anno il presidente tenuto la sua relazione a conclusione dei lavori, anzichè in apertuta della parte pubblica dell'assemblea, dopo gli adempimenti a porte chiuse.

"Dobbiamo comprendere che siamo l’uno dipendente dall’altro e che ciascuno deve non solo avere, ma anche dare", ha ribadito Vardanega, richiamando una forte responsabilità sociale dell'impresa.

Non è mancato neppure un richiamo alla politica: "Non ne possiamo più di sentire esponenti politici che denunciano i tanti mali della burocrazia, come se non fosse loro dovere risolverli - ha attaccato il presidente di Unindustria -. È come se noi ci lamentassimo, con i nostri clienti, della cattiva qualità dei prodotti realizzati nelle nostre fabbriche addossando, per di più, la colpa ai nostri collaboratori". E dal palco dell'assemblea, Vardanega non ha risparmiato qualche staffilata a Grillo e al Movimento 5 Stelle: "Non facciamoci illusioni - ha detto -: non bastano neppure gli “tsunami tour”". Passando in rassegna le iniziative intraprese dall'associazione ha ricordato: "Per ottenere risultati  come questi non bastano né un blog, né un milione di tweet".

Sul tappeto rimane ancora la questione dell'accesso al credito: "Oggi è impossibile non denunciare l’ormai cronica asfissia da credito che rappresenta la prima vera causa di quelle sofferenze tanto lamentate dal sistema creditizio".

 

Foto di Carlo Crozzolin

 


Galleria fotograficaGalleria fotografica