Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Treviso, colpo alla Banca Popolare di Vicenza, decisivo un cerotto ritrovato

RAPINA NEL 2011, INCASTRATO DALLA POLIZIA GRAZIE AL DNA

Arrestato dalla squadra mobile il 62enne di Cerea Maurizio Bertano


TREVISO - Con altri tre complici, il 10 giugno del 2011, aveva partecipato ad una rapina alla banca Popolare di Vicenza di viale Luzzatti a Treviso. All'epoca tre banditi entrarono all'interno della filiale, travisati con delle parrucche e armati di coltelli in ceramica, e poi scapparono a bordo di una Fiat Uno, guidata da un complice e rubata quello stesso giorno nella zona. Dopo due anni di indagini della squadra mobile di Treviso, coordinata da Enrico Biasutti, è riuscita ad incastrare e ad arrestare uno degli autori di quel colpo: si tratta di un pluripregiudicato di 62 anni, Maurizio Bertani, originario di Mantova ma residente a Cerea. Si tratta di un vero e proprio veterano delle rapine: la prima condanna a suo carico risale al 1979. Un'indagine attenta, certosina, minuziosa quella svolta dagli investigatori della squadra mobile. Sei giorni dopo il blitz in viale Luzzatti venne rinvenuta la Fiat Uno utilizzata per il colpo: al suo interno un cerotto insanguinato. Le riprese delle telecamere interne alla filiale di viale Luzzatti avevano immortalato uno dei banditi, Bertani appunto, con una piccola ferita al mento coperta proprio con quel cerotto. Il test del Dna che è stato svolto qualche tempo dopo ha fugato ogni dubbio. La stessa banda, nei primi mesi del 2011 aveva messo a segno altri cinque colpi, sempre con la stessa tecnica: in un frangente furono ritrovate dalla polizia anche le parrucche solitamente utilizzate dai malviventi. Tra queste c'era anche quella, di colore grigio, di Murizio Bertani: un apposito test ha rilevato la compatibilità tra la parrucca e lo stesso malvivente. La cattura da parte della squadra mobile di Treviso, in collaborazione con i colleghi di Verona coordinati da Roberto Della Rocca, è avvenuta nella giornata di ieri: Bertani è stato convocato, con la scusa di dovergli notificare il provvedimento, presso la caserma della polizia locale e qui è stato ammanettato e portato in carcere su ordine di custodia cautelare in carcere emesso dalla Procura di Treviso.

Galleria fotograficaGalleria fotografica