Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il professionista sentito come teste contro il dilettante di Castello di Godego

CICLISMO E DOPING: EMANUELE SELLA "ACCUSA" PAOLO BONIN

Nella prossima udienza verrà ascoltato anche Alessandro Ballan


TREVISO – (gp) Emanuele Sella accusa l'ex compagno di squadra Matteo Priamo ma soprattutto l'imputato, Paolo Bonin. Il professionista “pentito” della Csf Navigare, dominatore delle tappe dolomitiche del Giro d'Italia 2008, si è seduto sul banco dei testimoni nel processo a carico dell'ex dilettante di Castello di Godego e oggi cicloamatore che secondo la Procura di Treviso sarebbe uno dei due punti di riferimento del ct della nazionale serba Under 23 Aleksandar Nikacevic, accusato di aver procurato ad atleti amatori e professionisti, ma anche a direttori sportivi, sostanze e specialità farmaceutiche vietate e dopanti. ”Sono stato trovato positivo al Cera nel luglio del 2008 al termine di un controllo a sorpresa a casa mia – ha dichiarato in aula Emanuele Sella – Priamo me l'ha consigliato e consegnato. Non era una sostanza nota ma sapevo che aiutava il recupero e migliorava le prestazioni. Sono andato io a prenderlo a Poggiana di Riese Pio X, ho pagato 700 euro una fiala perchè volevo partecipare al mondiale. E' stato Priamo a dirmi che gliel'avrebbe procurato Bonin”. Una testimonianza già resa nel corso del principale filone d'inchiesta della Procura di Padova, che ha già portato a diversi patteggiamenti della pena, tra cui proprio quelli di Sella e Priamo il quale, chiamato anche lui come testimone al processo a carico di Bonin, si è avvalso della facoltà di non rispondere. “Noi contestiamo le accuse e lo dimostreremo nel corso del processo – afferma l'avvocato Alberto Zaccaria – Bonin non è un piazzista del cera anche perchè sono soltanto due gli episodi contestati. Ci sono poi due questioni degne di nota: la prima è che le perquisizioni effettuate a casa e nelle auto di Bonin hanno dato tutte esito negativo, e la seconda è che dalle intercettazioni telefoniche, secondo noi, non emerge nulla di penalmente rilevante”. Bonin è infatti accusato di due singoli episodi: negli atti della procura infatti viene presa in esame la cessione di una sola fiala di Cera tramite il ciclista di Poggiana di Riese Pio X Matteo Priamo a Emanuele Sella, e il tentativo di una seconda cessione Alessandro Ballan. Proprio il campione del mondo si siederà sul banco dei testimoni nel corso della prossima udienza, fissata a marzo 2014.