Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'ex sindaco di Valdobbiadene, ora vice, era accusato di falsa attestazione di firme

FIRME DI DEFUNTI NELLE LISTE: DAV╠ PATTEGGIA UNDICI MESI

Il caso per le liste di Forza Nuova di cui l'ex primo cittadino era garante


VALDOBBIADENE – (gp) L'ex primo cittadino di Valdobbiadene e attualmente vicesindaco Pietro Giorgio Davì ha patteggiato 11 mesi di reclusione, pena sospesa, per falsa attestazione di firme. La vicenda incriminata risale al 2010 e riguarda la presentazione delle liste di Forza Nuova alle regionali del 28 e 29 marzo. Per presentare la lista era inoltre necessario, oltre alle firme, la garanzia di un consigliere provinciale, ovvero Pietro Giorgio Davì che il 23 febbraio chiese e ottenne l'autorizzazione per tale compito dal presidente della Provincia Leonardo Muraro. Fin qui nulla di strano, anzi sarebbe soltanto una prassi consolidata. Ad accorgersi che qualcosa di strano invece c'era sarebbero stati alcuni funzionari dell'ufficio elettorale e dell’ufficio anagrafe del Comune di Valdobbiadene: tra le venti firme di presunti sostenitori di Forza Nuova raccolte in data 3 e 10 gennaio, ci sarebbero anche due persone decedute. La segnalazione sarebbe così arrivata sul tavolo del sostituto procuratore Francesca Torri che decise di vederci chiaro facendo scattare le indagini. In prima battuta vennero sentiti gli altri firmatari, i quali avrebbero detto di non aver mai posto la propria firma per sostenere Forza Nuova. A questo punto finì nei guai il garante, ovvero Pietro Giorgio Davì il quale, assistito dall'avvocato Diana Vardanega, ha da subito respinto ogni addebito dicendo in primis che il 3 gennaio si trovava all'estero e poi di non aver mai posto la firma come garante su quelle liste, annunciando anche una controquerela a carico di ignoti sostenendo che quella firma non fosse sua.