Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'ex operaio di Ponzano Veneto ha un'inabilità deambulatoria certificata dell'85%

INVALIDO E BALLERINO: DISPOSTA UNA PERIZIA SUI SOLDI PERCEPITI

A ottobre la sentenza: l'uomo è accusato di truffa ai danni dell'Inps


PONZANO – (gp) Altro stop nel processo a carico di Claudio Vendramin, l'ex operaio 59enne di Ponzano Veneto accusato di truffa ai danni dell'Inps per aver percepito dal 2004 al 2010 una pensione di invalidità con tanto di accompagnatoria di cui non aveva diritto. Dopo l'audizione in aula di un funzionario dell'Inps che aveva il compito di scindere i compensi erogati per la pensione e quelli per l'accompagnatoria, il giudice ha disposto un ulteriore perizia per quantificare l'esatto ammontare del denaro che si presume sia stato percepito da Vendramin indebitamente, che si è ridotto rispetto alle contestazioni iniziali che quantificavano la cifra in 165 mila euro. Una prima perizia disposta dal tribunale ed eseguita dal professor Gianni Barbuti aveva stabilito che l'imputato risulta avere un'inabilità deambulatoria a causa di una mielopatia, con un'invalidità riconosciuta all'85% e non al 100%, e quindi non sarebbe destinatario di alcuna accompagnatoria che in sette anni ammonterebbe a 39.454,43 euro. A questa cifra andrebbe sommata poi quella relativa allo scarto tra il 100% di invalidità precedentemente riconosciuta e quella effettiva dell'85%. Proprio per stabilire questa differenza (che secondo il funzionario dell'Inps sarebbe di circa 350 euro lordi al mese) è stata disposta la nuova perizia e rinviata l'udienza per la discussione a fine ottobre. In altre parole Vendramin aveva pieno diritto di percepire una pensione di invalidità ma non l'accompagnatoria, circostanza per cui l'accusa sostiene che per ottenere più denaro dall'Inps avrebbe “barato” ai controlli della commissione medica. Di certo al momento c'è che l'uomo è stato sorpreso mentre ballava salsa e merengue tre volte a settimana, ed è altrettanto certo che la malattia non può essere oggetto di simulazione ed è stata accertata strumentalmente, per cui non soggetta a errori.