Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/231: A BIELLA IL CAMPIONATO DEI GIOVANI TALENTI DEDICATO A TEODORO SOLDATI

Lucas Fallotico vince il 12° Reply International under 16


BIELLA - A ospitare la gara è il Golf Club “Le Betulle”, campo realizzato alla fine degli anni 50 sulla collina morenica della Serra, la più lunga d’Europa, un ambiente ideale per il golf. Situato a un’altitudine di 590 metri slm, Il Campo, è un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/230: ANDREA PAVAN VINCE IL REAL CZECH MASTERS

Primo successo sull'European Tour del romano


PRAGA - È il primo successo sull’European Tour di Andrea Pavan, che già si era imposto in quattro occasioni sul Challenge Tour. Il 29enne romano ha vinto, 22 colpi sotto il par del campo, il Real Czech Masters sul percorso Albatross Golf Resort (par 72), di Praga, montepremi un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/229: ANCHE IL GOLF A SQUADRE AGLI EUROPEI IN SCOZIA

Il team italiano medaglia di bronzo nella foursome


AUTCHTERARDER (SCOZIA) – L’innovativa competizione ha visto gareggiare insieme uomini e donne, sul percorso del Gleneagles PGA Centenary, Il torneo si è giocato nell’ambito dell’European Championship 2018, la grande novità in ambito sportivo, che dopo gli...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Benedetta Mironici, ex miss Padania: "Più quell'uomo mi sta lontano meglio è"

BOTTE ALL'EX FIDANZATA: IN AULA LA VERSIONE DI ROBERTO FULMINE

L'imputato: "Sì, ho sbagliato, ma quando beveva era ingestibile"


CASTELFRANCO VENETO – (gp) “Lo so, ho sbagliato e mi sono pentito subito di quello che ho fatto, ma Benedetta era ingestibile quando alzava il gomito”. Dichiarazioni rese in aula da Roberto Fulmine, l'imprenditore edile 39enne di Castelfranco Veneto finito alla sbarra con l'accusa di lesioni personali gravi per aver malmenato Benedetta Mironici, l'ex compagna 29enne di Frescada di Preganziol ed ex miss Padania. L'uomo, difeso dall'avvocato Carlo Broli, ha ricostruito di fronte al giudice e al pm Francesca Torri, titolare delle indagini, la relazione avuta con la vittima. Fulmine ha parlato dei viaggi fatti a Napoli, in Egitto e in Turchia nei nove mesi della loro storia d'amore, dicendo di essere sì geloso ma di non essere mai stato ossessivo e di non aver mai inibito nessuna attività o frequentazione alla 29enne. Una testimonianza che contrasta con quanto sostenuto in aula proprio dalla vittima, ascoltata nel corso della precedente udienza dello scorso febbraio. Benedetta Mironici aveva dichiarato: “Voglio lasciarmi tutto alle spalle. Più quell'uomo mi sta lontano meglio è”. Sedutasi sul banco dei testimoni, aveva ricostruito tutti gli episodi in cui avrebbe subìto gli scatti di gelosia dell'imputato, confermato tutti i fatti descritti nella denuncia e fornendo altri dettagli del rapporto che aveva con Fulmine. La giovane miss aveva inoltre dichiarato di aver ricevuto un risarcimento non “simbolico ma consistente”, motivo per cui aveva deciso di revocare la costituzione di parte civile. Diversa la versione dell'imputato che già nel corso dell'interrogatorio di garanzia aveva ammesso le proprie colpe ridimensionando però i fatti contestati e qualificandoli in due singoli episodi. Il primo sarebbe avvenuto in Kenya, a Capodanno del 2012, il secondo al rientro in Italia, quando è scattata la denuncia da parte della ragazza. L'uomo, finito in carcere a Malindi dopo le violenze di fine anno, uscì di galera su cauzione il 2 gennaio. Rientrato con la ragazza in Italia venne raggiunto da un ordine di carcerazione per tentato omicidio, maltrattamenti in famiglia e lesioni, accuse poi derubricate già in fase d'indagine.