Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il giudice richiede nuovi documenti prima di esprimersi sul dissequestro dei beni

DIPENDENTE "INFEDELE": SLITTA DI UNA SETTIMANA LA DECISIONE

Sotto accusa Gabriella Brugnera, contabile della Art Serf di Vazzola


VAZZOLA – (gp) Si dovrà attendere una settimana prima di sapere se il giudice civile del tribunale di Conegliano confermerà o meno il sequestro di beni mobili e immobili (per un valore di un milione e 725 mila euro) sottratti dalla magistratura a Gabriella Brugnera, la 53enne contabile della Art Serf di Vazzola accusata di essersi intascata quasi due milioni di euro della ditta. Dopo diverse ore di udienza, gli avvocati Sergio Calvetti e Andrea Favretto, che assieme alla collega Pamela Rizzo avevano promosso l'azione civile ottenendo il sequestro, hanno mantenuto il riserbo su quanto accaduto in aula dicendo però che serviranno altri documenti, da presentare nei prossimi giorni, prima di mettere il giudice nelle condizioni di decidere. I legali tutelano gli interessi di Remo Perin, il titolare dell'azienda che nel marzo scorso denunciò la sua dipendente dopo essersi accorto degli ammanchi di denaro. Attualmente i sigilli sono stati messi a conti correnti, a partecipazioni azionarie e a una decina tra abitazioni e appartamenti nelle province di Belluno, Venezia e Treviso, tra i quali uno chalet a Borca di Cadore, immerso nel verde dei boschi. Stando a quanto sostiene l'accusa, la donna avrebbe sottratto il denaro attraverso operazioni bancarie e versamenti non solo a beneficio personale, ma anche a due società intestate ai figli e ai fratelli. Operazioni rese possibili dal suo ruolo interno all'azienda in cui gestiva i conti. Secondo la Guardia di Finanza, Gabriella Brugnera non avrebbe soltanto investito i proventi della sua presunta attività illecita, ma avrebbe sostenuto normali spese come ad esempio l'arredamento dello chalet a Borca di Cadore, il rinfresco di laurea del figlio o le gomme da neve per la sua auto.