Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Fermato dalla Polizia in viale IV Novembre, ha pure rifiutato gli accertamenti di legge

AL VOLANTE SOTTO COCAINA E SENZA PATENTE: 40ENNE IN GUAI GROSSI

La sua Bmw X6 dovrà rimanere in garage per i prossimi 30 giorni


TREVISO – (gp) Beccato al volante della sua Bmw X6 senza patente, in quanto revocata, e sotto l'effetto di cocaina, infrazioni alle quali si è aggiunto in seguito il rifiuto di sottoporsi al controllo in ospedale. Oltre al fermo amministrativo del mezzo per 30 giorni, i guai cominciano adesso per un 40enne trevigiano fermato per un controllo in viale Iv Novembre da una volante della Polizia di Treviso. L'uomo, in evidente stato di agitazione, aveva detto inizialmente agli agenti di essere nervoso perchè aveva dimenticato a casa la patente. Un rapido controllo nel database lo aveva però presto smascherato: la patente gli era stata revocata nel 2011 per guida in stato d'ebbrezza e lui non aveva più sostenuto gli esami necessari per riottenerla. Scoperta la prima bugia, il 40enne aveva deciso di vuotare il sacco dicendo agli agenti di aver assunto cocaina sia la sera prima del controllo che qualche ora prima di mettersi al volante. Una dichiarazione che pensava potesse bastare, ma gli agenti, per legge, erano tenuti a sottoporlo al controllo in ospedale. Controllo che l'uomo si è rifiutato di fare facendo scattare un'ulteriore denuncia, ovvero quella di rifiuto di sottoporsi agli accertamenti di polizia. Circostanza che aggrava la posizione dell'uomo anche in vista del processo.