Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/190: L'OPEN D'ITALIA 2017 È DA RECORD

Davanti a 73mila spettatori, vince l'inglese Hatton


MONZA - Eccoci giunti all’attesissimo evento, la manifestazione golfistica cardine sul territorio italiano! Preceduto da festeggiamenti, si è celebrato, dal 12 al 15 ottobre il 74° Open d’Italia, al Golf Club Milano. I più forti professionisti mondiali di Golf si son...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/189: CAMPI PRATICA, COLONNA PORTANTE DELLO SPORT

A Ca' della Nave il torneo dell'associazione dei club


MARTELLAGO - È con simpatia, che sabato 30 settembre il Golf Club Cà della Nave ha accolto l’Associazione Campi Pratica per una gara stableford a tre categorie, settima degli otto incontri della serie TROFEO, che a turno ogni Circolo appartenente all’associazione,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/188: TUTTO PRONTO PER L'OPEN D'ITALIA 2017

Al Parco di Monza il torneo del massimo circuito europeo


TREVISO - Il 74° Open d’Italia sta per andare in scena; è il principale evento sportivo nazionale legato alla Ryder Cup 2022, la sfida fra Europa e Stati Uniti, in programma fra cinque anni al Marco Simone Golf & Country Club. È il primo Open d’Italia con un...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Fermato dalla Polizia in viale IV Novembre, ha pure rifiutato gli accertamenti di legge

AL VOLANTE SOTTO COCAINA E SENZA PATENTE: 40ENNE IN GUAI GROSSI

La sua Bmw X6 dovrà rimanere in garage per i prossimi 30 giorni


TREVISO – (gp) Beccato al volante della sua Bmw X6 senza patente, in quanto revocata, e sotto l'effetto di cocaina, infrazioni alle quali si è aggiunto in seguito il rifiuto di sottoporsi al controllo in ospedale. Oltre al fermo amministrativo del mezzo per 30 giorni, i guai cominciano adesso per un 40enne trevigiano fermato per un controllo in viale Iv Novembre da una volante della Polizia di Treviso. L'uomo, in evidente stato di agitazione, aveva detto inizialmente agli agenti di essere nervoso perchè aveva dimenticato a casa la patente. Un rapido controllo nel database lo aveva però presto smascherato: la patente gli era stata revocata nel 2011 per guida in stato d'ebbrezza e lui non aveva più sostenuto gli esami necessari per riottenerla. Scoperta la prima bugia, il 40enne aveva deciso di vuotare il sacco dicendo agli agenti di aver assunto cocaina sia la sera prima del controllo che qualche ora prima di mettersi al volante. Una dichiarazione che pensava potesse bastare, ma gli agenti, per legge, erano tenuti a sottoporlo al controllo in ospedale. Controllo che l'uomo si è rifiutato di fare facendo scattare un'ulteriore denuncia, ovvero quella di rifiuto di sottoporsi agli accertamenti di polizia. Circostanza che aggrava la posizione dell'uomo anche in vista del processo.