Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Modifica entro l'anno: primo passo verso la pedonalizzazione

PARCHEGGI CARICO SCARICO TRASFORMATI A DISCO ORARIO

Il vicesindaco Grigoletto: "Sono troppi e usati male: li ridurremo"


TREVISO - La rivoluzione dei parcheggi partirà dal 2014. Il Comune intende rivedere la divisione degli stalli in centro: sotto osservazione in primo luogo i posteggi destinati al carico – scarico. Attualmente a Treviso ne esistono 291 su un totale di circa 2.500 parcheggi. Un numero eccessivo, secondo l'amministrazione Manildo, soprattutto se confrontato con la situazione in altre città: a Bologna, ad esempio, i parcheggi di questo tipo sono non più di 400 su 9mila complessivi. E soprattutto, troppo spesso vengono utilizzati da “furbetti” per lasciare l'auto senza pagare. Una parte di questi, dunque, verrà trasformata in sosta normale a pagamento oppure in stalli gratuiti, ma “a tempo” con disco orario, dove sarà possibile fermarsi non più di un'ora, per favorire il ricambio. Per evitare che un'auto si fermi troppo a lungo anche questi posti verranno dotati di appositi sensori, come spiega Roberto Grigoletto, vicesindaco con delega alla Mobilità.

Le dimensioni dei restanti carico e scarico verranno allargate. Verranno rivisti anche alcuni parcheggi a strisce blu, che potranno essere liberalizzati o del tutto eliminati: l'amministrazione ha già individuato alcune aree dove intervenire, ad esempio uno degli obiettivi è eliminare le auto in sosta da piazza Rinaldi. La decisione definitiva, però, verrà presa dopo un confronto con le associazioni di categoria. La revisione del carico – scarico, spiega Grigoletto, è la prima fase di un piano complessivo che prevede la pedonalizzazione del centro e l'incremento dell'utilizzo dei mezzi pubblici e della bicicletta. Il progetto dovrà essere redatto entro luglio e diventare operativo entro la fine dell'anno, pena l'impossibilità di attingere ai relativi fondi europei.