Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Vedelago, 20mila euro spesi in assegni, veicolo acquistato con un finanziamento

IN BALIA DEI ROM: COSTRETTO AD ACQUISTARE AUTO E AD APRIRE CONTI

Vittima un uomo affetto da malattia mentale, tre denunciati


VEDELAGO - Un 48enne rom residente a Paese ed i gestori di un autosalone di Treviso, un 41enne del luogo ed un 35enne di Ponzano, sono stati denunciati dai carabinieri di Castelfranco per circonvenzione di incapace e truffa. I tre, stando alle indagini dei militari, avrebbero chiesto un finanziamento di 12mila euro ad una banca trentina sostituendosi ad un uomo di Vedelago, affetto da una grave malattia mentale. Il denaro serviva per l'acquisto di un'auto, intestata al malcapitato, che è stata subito rimessa in vendita per evitare un eventuale sequestro. A richiedere il finanziamento era stato l'autosalore di proprietà del 41enne e del 35enne; il 48enne aveva invece avuto il compito di adescare e truffare la vittima del raggiro. Quest'ultimo è stato utilizzato anche per altre truffe dal rom e dai suoi due complici. L'uomo era stato iscritto alla camera di commercio e gli era stata intestata una partita Iva come grafico di pagine web: questo serviva ad ottenere credito presso banche ed altre attività commerciali. Erano stati inoltre aperti conti correnti postali e bancari, con la concessione di carnet di assegni che venivano poi utilizzati dal rom 48enne e da altri tre zingari residenti in provincia di Treviso. Il denaro speso con questi assegni in varie attività commerciali di Treviso, Padova e Venezia, dal settembre 2011 al febbraio 2012, ammonta a circa 20mila euro. I quattro rom avevano inoltre acquistato ben 13 schede telefoniche poi utilizzate per attività illecite.