Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/190: L'OPEN D'ITALIA 2017 È DA RECORD

Davanti a 73mila spettatori, vince l'inglese Hatton


MONZA - Eccoci giunti all’attesissimo evento, la manifestazione golfistica cardine sul territorio italiano! Preceduto da festeggiamenti, si è celebrato, dal 12 al 15 ottobre il 74° Open d’Italia, al Golf Club Milano. I più forti professionisti mondiali di Golf si son...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/189: CAMPI PRATICA, COLONNA PORTANTE DELLO SPORT

A Ca' della Nave il torneo dell'associazione dei club


MARTELLAGO - È con simpatia, che sabato 30 settembre il Golf Club Cà della Nave ha accolto l’Associazione Campi Pratica per una gara stableford a tre categorie, settima degli otto incontri della serie TROFEO, che a turno ogni Circolo appartenente all’associazione,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/188: TUTTO PRONTO PER L'OPEN D'ITALIA 2017

Al Parco di Monza il torneo del massimo circuito europeo


TREVISO - Il 74° Open d’Italia sta per andare in scena; è il principale evento sportivo nazionale legato alla Ryder Cup 2022, la sfida fra Europa e Stati Uniti, in programma fra cinque anni al Marco Simone Golf & Country Club. È il primo Open d’Italia con un...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Alla sbarra Rachid Nainjia, operaio 24enne di Moriago della Battaglia

STUPRA E PICCHIA L'EX FIDANZATA: PATTEGGIA DUE ANNI DI CARCERE

Era il 24 marzo 2012: il giovane venne arrestato 24 ore dopo i fatti


MORIAGO DELLA BATTAGLIA – (gp) Due anni di reclusione per aver picchiato e stuprato la sua ex fidanzata. Questa l'entità del patteggiamento ottenuto da Rachid Nainjia, operaio 24enne di Moriago della Battaglia. L'uomo, difeso dall'avvocato Fabio Crea, aveva sempre respinto le accuse di violenza sessuale e lesioni di cui era chiamato a rispondere. Ma dopo che la sua posizione si aggravò in seguito all'incidente probatorio in cui venne messa agli atti la testimonianza la sua ex ragazza, su consiglio del suo legale ha raggiunto un accordo con il pm Lucia D'Alessandro sulla pena da scontare che è stato accolto dal gup Antonio Liguori. Stando alle accuse il 24enne, il 12 marzo 2012, avrebbe suonato con insistenza il campanello di casa della vittima a Quarto d'Altino, convincendola ad aprirgli la porta. Entrato nell'appartamento il giovane l’avrebbe aggredita e immobilizzata. La donna, per l’accusa, sarebbe rimasta per ore in balia dell’ex fidanzato, che l’avrebbe stuprata più volte. Il magrebino se ne sarebbe infine tornato a Moriago, ma la ragazza chiese aiuto ai carabinieri che in meno di 24 ore assicurarono Nainjia alla giustizia. Il movente? L’operaio, accecato dalla gelosia, non avrebbe accettato la fine della relazione sentimentale.