Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/231: A BIELLA IL CAMPIONATO DEI GIOVANI TALENTI DEDICATO A TEODORO SOLDATI

Lucas Fallotico vince il 12° Reply International under 16


BIELLA - A ospitare la gara è il Golf Club “Le Betulle”, campo realizzato alla fine degli anni 50 sulla collina morenica della Serra, la più lunga d’Europa, un ambiente ideale per il golf. Situato a un’altitudine di 590 metri slm, Il Campo, è un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/230: ANDREA PAVAN VINCE IL REAL CZECH MASTERS

Primo successo sull'European Tour del romano


PRAGA - È il primo successo sull’European Tour di Andrea Pavan, che già si era imposto in quattro occasioni sul Challenge Tour. Il 29enne romano ha vinto, 22 colpi sotto il par del campo, il Real Czech Masters sul percorso Albatross Golf Resort (par 72), di Praga, montepremi un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/229: ANCHE IL GOLF A SQUADRE AGLI EUROPEI IN SCOZIA

Il team italiano medaglia di bronzo nella foursome


AUTCHTERARDER (SCOZIA) – L’innovativa competizione ha visto gareggiare insieme uomini e donne, sul percorso del Gleneagles PGA Centenary, Il torneo si è giocato nell’ambito dell’European Championship 2018, la grande novità in ambito sportivo, che dopo gli...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Una 49enne di San Vendemiano accusata di bancarotta e furto aggravato

DUE PROCESSI IN CINQUE GIORNI PER LA "DIPENDENTE INFEDELE"

In aula per il fallimento della Sicaf e per il buco di 2,5 milioni della Omc


CONEGLIANO - (gp) Due processi distinti. Uno per bancarotta fraudolenta e l'altro per furto aggravato. Ma l'imputata è la stessa e dopo essere comparsa di fronte al collegio del tribunale di Treviso per il primo procedimento penale, lunedì tornerà in aula a Conegliano per l'inizio del secondo. Stiamo parlando di una 49enne di San Vendemiano prima denunciata dai suoi fratelli per aver creato un buco nelle casse dell'azienda di famiglia, la Idrotermica Sicaf di Santa Lucia di Piave, e poi finita sotto accusa in seguito alla denuncia del titolare della Omc di Colle Umberto secondo cui la donna, assunta come addetta ai pagamenti, dal 2010 al 2012 avrebbe speso 2,5 milioni di euro dell'azienda in capi d'abbigliamento griffati. Il processo per il fallimento della Sicaf si avvia alla sentenza di primo grado. I giudici del tribunale di Treviso hanno infatti già stabilito il calendario delle prossime due udienze: il 10 ottobre verrà sentito l'ultimo testimone, il commercialista Marco Gobbo in qualità di consulente di parte, il 31 ottobre invece sarà il giorno della sentenza. In questo processo l'accusa sostiene che la donna, in qualità di amministratrice della Idrotermica Sicaf (dichiarata fallita il 31 gennaio 2007), si sarebbe appropriata di quasi 600 mila euro dell'azienda. Lunedì prossimo, 15 luglio, si aprirà ufficialmente il secondo procedimento penale: in questo caso la donna è accusata di furto aggravato in quanto, per l'accusa, avrebbe sottatto alla Omc di Colle Umberto 2,5 milioni di euro. Avendo a disposizione tutti i codici di e-banking per i pagamenti di "stipendi", "bonifici" e "fatture da ricevere", secondo la Guardia di Finanza avrebbe acquistato abiti di lusso e un'Audi A6 Allroad, dirottando poi sul suo conto corrente personale 110 mila euro.