Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/227: JUSTIN THOMAS SENZA RIVALI AL BRIDGESTONE INVITATIONAL

Il terzo evento del circuito World Golf Championship


AKRON (USA) - È Francesco Molinari a godere il favore degli spettatori. Lo divide con il leader mondiale Dustin Johnson, che di WGC ne ha già conquistati cinque. Anche Tiger Woods, riemerso grazie alla bella prestazione nell’Open Championship, è atteso con...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/226: UN BEL COMPLEANNO FESTEGGIATO SUL FAIRWAY

Torneo e party in onore di Luigino Conti, patron di Ca' della Nave


MARTELLAGO - Una Louisiana a due, per festeggiare il genetliaco di Luigino Conti, direttore del Club Cà della Nave, persona che sa farsi benvolere.Luigino, che ormai da tre anni ha assunto la dirigenza del Circolo trovando nel suo cammino un mare di difficoltà, è riuscito a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/225: CON L'ACI SI GIOCA NEL BOSCO DELLA SERENISSIMA

Al Golf Cansiglio il torneo promosso dall'Automobile Club


TAMBRE D'ALPAGO - L’Automobile Club d’Italia ha cura dei propri soci: al di là del suo compito d’istituto su tutto quanto è attinente all’automobile, mette a loro disposizione un Campionato italiano di Golf, che gira da aprile ad agosto, su 28 tra i...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

ASCOLTA AUDIO Sindacato contestato: non ha spinto per la Cassa Integrazione

MESTRINARO, LAVORATORI ALLA UIL PRETENDONO LA CIGS

A Zero Branco continua il sit-in organizzato dalla Filca-Cisl


TREVISO - Atmosfera incandescente durante la conferenza stampa alla sede sindacale della Uil Provinciale di Treviso per parlare del caso Mestrinaro. Alcuni dipendenti dell’azienda di Zero Branco hanno contestato alla dirigenza sindacale Fenael - Uil, presenti in sala il segretario regionale Valerio Franceschini e provinciale Celso Bortolotto, di aver tenuto buoni i lavoratori facendo il bene dell’azienda.

“Non ci sono prospettive! Le macchine sono sequestrate, gli immobili sono sequestrati, cosa facciamo? Tagliamo l’erba del giardino. Senza essere stipendiati!!”

Sono quattro mesi che i dipendenti dell’azienda che ha sede a Sant’Alberto non ricevono più stipendio, in pratica da quando 10 ettari dell'area della Mestrinaro e 5900 tonnellate di inerti erano stati posti sotto sequestro dalla magistratura in merito a un'inchiesta condotta dal Nucleo Operativo Ecologico dei carabinieri che avrebbe scoperto che tra quel materiale ci sarebbero stati anche rifiuti pericolosi, forse di provenienza ospedaliera. Accuse a cui il segretario regionale Franceschini ha risposto dicendo di aver voluto vagliare tutte le strade per capire se ci fosse stata qualche potenzialità in azienda. Il ricorso alla cassa integrazione è una soluzione già individuata a gennaio ed oggi va applicata.

Intanto lunedi 15 luglio in Tribunale a Treviso ci sarà la trattazione di una richiesta di ingiunzione per una fornitura non saldata da parte dell’azenda.


Galleria fotograficaGalleria fotografica