Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Guglielmo Sinibaldi interrogato a Teramo per un raggiro sfumato da 150 mila euro

TENTATA TRUFFA: NUOVI GUAI PER L'EX ESPONENTE DELLA MAGLIANA

A impedirgli di agire l'arresto dei carabinieri a Istrana nel marzo 2012


ROVIGO - (gp) Il suo intento sarebbe stato quello di mettere a segno una truffa da 150 mila euro assieme ad altri due complici. Ma quello di Guglielmo Sinibaldi, ex esponente di prim'ordine della banda della Magliana, rimase un tentativo visto che venne arrestato dai carabinieri di Treviso nel marzo dello scorso anno a Istrana, dove pare stesse cercando rifugio per scampare all'ordine di carcerazione che pendeva sulla sua testa da circa un mese. Da quel giorno Sinibaldi, 54enne di Avezzano in provincia dell'Aquila, si trova rinchiuso nel carcere di massima sicurezza di Teramo per scontare una condanna a un anno 9 mesi e 19 giorni per ricettazione e dove, assistito dall'avvocato Ilaria Pempinella, è stato interrogato proprio in merito alla truffa da 150 mila euro che avrebbe tentato di mettere a segno a Rovigo. Stando alle accuse della procura rodigina Sinigalli, attraverso opportune conoscenze con numerosi istituti di credito conseguite grazie alla sua attività parallela di brokeraggio, avrebbe prospettato l'ottenimento di un mutuo ipotecario trentennale alla titolare di una ditta di Taglio di Po. La donna, credendo che la IW Bank avesse dato parere positivo alla sua richiesta di mutuo, avrebbe cosegnato a Sinibaldi tutti i documenti necessari per avviare la pratica, dal Cud alle buste paga oltre ai documenti personali. Per l'erogazione del mutuo, era inoltre obbligatorio aprire un conto presso l'istituto di credito, cosa che la donna fece sempre attraverso Sinibaldi il quale avrebbe così avuto accesso a tutti i codici relativi a quel conto corrente e, di conseguenza, sarebbe potuto sparire con tutto il denaro una volta erogato il mutuo. Ma i suoi piani sarebbero andati in fumo, a causa dell'arresto operato dai carabinieri a Treviso.