Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/182: ANCORA DOMINIO USA ALLA SOLHEIM CUP 2017

In Iowa la più importante gara del tour femminile


TREVISO - Solheim Cup 2017: siamo al corrispondente femminile della Ryder Cup, la gara più importante per “l’altra metà del cielo”, che contrappone le più forti atlete europee a quelle americane. Si gioca ogni due anni, alternativamente in Europa e negli Stati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Non doversi procedere per remissione di querela nei confronti di un 48enne marocchino

PADRE-PADRONE SCAGIONATO DALLA MOGLIE: TORNA LIBERO E IN FAMIGLIA

Era accusato di aver picchiato la consorte, malata di sclerosi multipla


TREVISO - (gp) Dopo averlo scagionato in aula permettendo di derubricare l'accusa da maltrattamenti in famiglia a lesioni, ingiurie e percosse, ha rimesso la querela a carico del marito. Circostanza che ha portato il giudice a disporre il non luogo a procedere nei confronti di un 48enne marocchino arrestato a febbraio dalla Squadra Mobile di Treviso per aver picchiato la moglie, una donna di 40 anni malata di sclerosi multipla, e il figlio di 13 anni e la figlia di 18. L'uomo dunque non solo ha la fedina penale pulita ma potrà tornare a casa dalla sua famiglia, proprio come aveva chiesto la moglie sia al giudice. Alla base della decisione del tribunale di Treviso c'è la testimonianza della vittima: la donna ha infatti ridotto di molto il numero di episodi contestati e ha ridimensionato la violenza con la quale si sarebbero consumati. Stando alle accuse il 48enne avrebbe avuto da anni l'assoluto dominio sulla compagna e i figli: la prima sarebbe stata costretta a lavorare come badante per mantenere la famiglia visto che lui era disoccupato, i figli invece avrebbero dovuto dividersi tra studio e lavori domestici, non avendo nessuno spazio ad amicizie o divertimento. La donna, non sopportando più che il marito malmenasse anche il più piccolo dei due, allora 12 enne, decise di mettere fine a quella situazione denunciando tutto alle forze dell'ordine il 22 dicembre scorso. In quattro occasioni, tra il 2010 ed il 2012, la donna sarebbe stata costretta a ricorrere alle cure del pronto soccorso dell'ospedale di Treviso per farsi medicare le ferite provocate dal marito. Ai medici diceva sempre di aver avuto improbabili incidenti domestici, e in un frangente un incidente stradale.