Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Resana, il ragazzino ha raccontato tutto ai genitori, "orco" identificato dai carabinieri

TENTA DI ADESCARE UN 13ENNE PENSIONATO 63ENNE DENUNCIATO

Aveva proposto al giovanissimo una "gita alle sorgenti del Sile"


RESANA - Ha cercato di adescare un ragazzino di appena 13 anni per ottenere da lui un rapporto sessuale. La trappola dell'”orco” di turno? Una bella gita lungo le sorgenti del fiume Sile. Le trame di un pensionato 63enne di Resana sono state scoperte: l'uomo è stato denunciato dai carabinieri di Castelfranco per il reato di adescamento di minore a scopo sessuale. Il ragazzino, sconcertato dalle richieste molto dirette del pensionato, è subito scappato a casa ed ha raccontato tutto ai genitori. Padre e madre del giovane hanno immediatamente presentato denuncia ai carabinieri e subito sono partite le ricerche dell'adescatore, coordinate del comandante dei carabinieri di Castelfranco, Salvatore Gibilisco: il 63enne è stato rintracciato poco dopo, grazie alle testimonianze di alcuni cittadini della zona. Dell'episodio si occuperà ora il pm della Procura di Treviso, Gabriella Cama.