Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Treviso, aveva partecipato all'ultima missione in mar Rosso durante la guerra

ADDIO ALL'ULTIMO REDUCE DEL CACCIATORPEDINIERE "TIGRE"

Valentino Campagnolo, 93 anni, è spirato ieri, mercoledì le esequie


TREVISO - Lutto a Treviso per la scomparsa del Cavalier Valentino Campagnolo, spirato ieri all'età di 93 anni. Campagnolo era conosciutissimo a Treviso come imprenditore (aveva fondato nel dopoguerra una società di termoidraulica con altri due soci), personaggio della cultura e vera e propria memoria storica. Durante la seconda guerra mondiale partecipò a quella che è passata alla storia come “l'ultima missione in Mar Rosso”: a bordo del cacciatorpediniere “Tigre” subì l'attacco inglese che portò lui ed i marinai ad affondare l'imbarcazione, costringendolo a restare 36 ore in acqua ed altrettanti nel deserto, prima di essere soccorso e internato in Arabia Saudita assieme agli altri superstiti per un anno e mezzo. Era partito giovanissimo da Treviso per le Colonie Italiane dell'Africa Orientale, in tempo di pace come civile, per poter lavorare presso l'acquedotto di Massaua in Eritrea. Poi con lo scoppio della Seconda Guerra Mondiale è stato arruolato nella Regia Marina Italiana che aveva base proprio a Massaua. Il funerale avrà luogo mercoledì 17 alle ore 10,30 nella chiesa di San Zen e sepolto nel cimitero di San Trovaso di Preganziol, nella tomba di famiglia.