Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Treviso, un 30enne romeno si presenta alla polfer di Mestre: "Ero con lui"

ERA SCAPPATO DOPO AVER DATO L'ALLARME: "ERO SOTTO CHOC"

Si chiude il giallo sulla morte del 50enne Renzo Gobbo


TREVISO - Si è presentato alla polizia ferroviaria di Venezia, ieri a mezzanotte, l'uomo che domenica aveva dato l'allarme dopo l'improvviso malore che aveva colto l'immobiliarista 50enne Renzo Gobbo, in seguito morto nella sua abitazione di via Piave. Si tratta di un ragazzo romeno di 30 anni, residente a Mestre: lo straniero ha scoperto che i carabinieri di Treviso lo stavano cercando dopo aver letto un articolo su web che parlava di quanto era accaduto. Il giovane, nella notte, è stato subito portato a Treviso presso il comando provinciale di via Cornarotta per essere sentito: il 30enne, interpellato dagli investigatori, ha raccontato la sua versione dei fatti che collima peraltro con quanto già era stato rilevato dai carabinieri nel pomeriggio di domenica. Lo straniero sarà risentito dalla Procura e poi l'inchiesta riguardante la tragedia si chiuderà definitivamente: non verrà eseguita infatti l'autopsia sul corpo senza vita del 50enne e già nelle prossime ore sarà fissata la data dei funerali. Renzo Gobbo e il 30enne si erano conosciuti sul social network Badoo, erano amici e da qualche tempo si frequentavano. Domenica la tragedia si è materializzata dopo che i due avevano pranzato insieme a casa dell'immobiliarista: lo straniero, senza telefonino al seguito, ha cercato di dare l'allarme chiedendo ad un altro residente di poter utilizzare il suo telefono cellulare che era però scarico. Il giovane si è precipitato per strada ed ha chiesto aiuto ad un passante che ha immediatamente contattato il 118. Il 30enne si è poi subito dileguato. Perchè? “Ero sotto choc, mi sono fatto prendere dal panico”: ha spiegato il romeno.