Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/227: JUSTIN THOMAS SENZA RIVALI AL BRIDGESTONE INVITATIONAL

Il terzo evento del circuito World Golf Championship


AKRON (USA) - È Francesco Molinari a godere il favore degli spettatori. Lo divide con il leader mondiale Dustin Johnson, che di WGC ne ha già conquistati cinque. Anche Tiger Woods, riemerso grazie alla bella prestazione nell’Open Championship, è atteso con...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/226: UN BEL COMPLEANNO FESTEGGIATO SUL FAIRWAY

Torneo e party in onore di Luigino Conti, patron di Ca' della Nave


MARTELLAGO - Una Louisiana a due, per festeggiare il genetliaco di Luigino Conti, direttore del Club Cà della Nave, persona che sa farsi benvolere.Luigino, che ormai da tre anni ha assunto la dirigenza del Circolo trovando nel suo cammino un mare di difficoltà, è riuscito a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/225: CON L'ACI SI GIOCA NEL BOSCO DELLA SERENISSIMA

Al Golf Cansiglio il torneo promosso dall'Automobile Club


TAMBRE D'ALPAGO - L’Automobile Club d’Italia ha cura dei propri soci: al di là del suo compito d’istituto su tutto quanto è attinente all’automobile, mette a loro disposizione un Campionato italiano di Golf, che gira da aprile ad agosto, su 28 tra i...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

San Vendemiano, provvedimento del gip nei confronti di un impiegato 60enne

DOPO 30 ANNI DI ANGHERIE DENUNCIA IL MARITO, ALLONTANATO

Umiliazioni e botte alla moglie e ai due figli: "Non valete niente"


SAN VENDEMIANO - Dopo 30 anni di matrimonio e di angherie subite da lei e dai suoi due figli ha deciso di denunciare il marito alla polizia, chiedendo ed ottenendo dal gip del tribunale di Treviso di allontanare quello che era diventato ormai un vero e proprio "padre padrone". Il provvedimento è stato eseguito nei giorni scorsi dalla squadra mobile di Treviso nei confronti di un ex impiegato 60enne di San Vendemiano. L'uomo, ora pensionato, era l'unico componente della famiglia ad ottenere un reddito fisso: proprio il denaro era utilizzato dal 60enne come forma di continua forma di vessazione e ricatto nei confronti dei famigliari. Il 60enne umiliava quotidianamente, maltrattava e picchiava sia la moglie che i due figli maschi, entrambi disoccupati; pretendeva obbedienza assoluta e si distingueva per un'avarizia quasi maniacale (per la spesa settimanale forniva alla moglie 10 euro). "Non valete niente": diceva spesso loro, con disprezzo. Dopo anni di silenzioso dolore la donna si è decisa a rivolgersi alla polizia, lo scorso 29 giugno, avviando le pratiche per il divorzio e denunciando l'uomo.