Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Conegliano, "Ancora più difficili gli sforzi di noi imprenditori per affermarci all’estero"

PAOLO POLEGATO: "ESTERNAZIONI CONTRO KYENGE CI DANNEGGIANO"

Il titolare di Astoria vini si scaglia contro Roberto Calderoli


CONEGLIANO - “Le recenti polemiche che coinvolgono il Ministro per l’integrazione Kyenge e alcuni esponenti leghisti non sono solo indegne di un paese civile, ma danneggiano il nostro commercio con i paesi africani, che sono sempre più importanti.” E’ l’allarme lanciato da Paolo Polegato, titolare di Astoria Vini (al centro, nella foto comparsa sul sito internet dell'azienda, con il ministro Kyenge), tra i maggiori produttori ed esportatori di Prosecco DOCG del trevigiano. Un prodotto che sta conquistando non solo Asia e America, ma anche le grandi città dell’Africa. “Quello che i nostri politici non considerano è che noi imprenditori italiani trattiamo quotidianamente con persone di altre etnie, sono partner commerciali fondamentali. Paesi come Nigeria, Costa d’Avorio e Angola sono in netta crescita, hanno una nuova classe media che guarda all’Italia e ai suoi prodotti con ammirazione. Ad oggi l’Africa rappresenta il 10% del nostro export, oltre un milione di euro l’anno (solo nei primi mesi del 2013 siamo già a 450mila euro) realizzato nelle grandi città di Kenya, Mauritius, Costa D’Avorio, Congo, Nigeria, Benin, Togo e Sud Africa. Sottovalutare questi mercati in base a vecchi stereotipi è molto grave, basti pensare che la piccola isola di Reunion, ad est del Madagascar, con solo un milione e mezzo di abitanti, è il nostro quarto paese di riferimento per esportazioni, abbiamo spedito 15 container nell’ultimo anno. “Tutte queste esternazioni danneggiano la reputazione degli italiani in questa parte di mondo e rendono ancora più difficili gli sforzi di noi imprenditori per affermarci all’estero. Non sono solo gravissime dal punto di vista umano, sono anche miopi dal punto di vista commerciale: i nostri amministratori prima di parlare dovrebbero valutare questi aspetti, invece di perdersi nei loro giochi politici.”

Galleria fotograficaGalleria fotografica