Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Castelfranco, a febbraio l'arresto di Giancarlo Caselli, ora altre 4 denunce

PRESTAVA L'APPARTAMENTO AGLI STUDENTI PER FUMARE DROGA

Nei guai commessa 30enne: in cambio riceveva dosi dai pusher


CASTELFRANCO - Prestava il proprio appartamento a studenti e pusher per permetter loro di consumare marijuana e hashish lontano da occhi indiscreti. In cambio otteneva dosi di droga gratis. A gestire questa abitazione, a mo' di “fumeria”, era una nota commessa 30enne del centro storico di Castelfranco. La donna è stata denunciata nell'ambito di un'indagine coordinata dai carabinieri ed avviata nel mese di febbraio quando i militari arrestarono un 21enne, Giancarlo Bertoldo Caselli. Il giovane era una sorta di “ras dello spaccio” di droga a giovani e giovanissimi studenti: Caselli, hanno rivelato le indagini, smerciava dosi nei pressi della stazione ferroviaria, a due passi da casa. In tutto furono 32 le persone segnalate alla Prefettura come assuntori e tra questi anche 13 minorenni: sono quasi tutti studenti che acquistavano droga da lui dopo essere usciti da scuola. Gli accertamenti dei carabinieri non si sono fermati in questi mesi: il risultato sono altre cinque denunce per chi aveva collaborato all'epoca con il 21enne. Nella lista degli indagati, oltre alla commessa, figurano ora: un ghanese 29enne residente a Padova ed un marocchino di 22 anni (i due fornitori di Caselli) ma anche un 21enne di Castelfranco ed un 20enne magrebino (entrambi complici del pusher). Durante le perquisizioni effettuate in queste settimane e all'epoca dell'arresto di Caselli i carabinieri sono riusciti a sequestrare circa 3 etti di marijuana e hashish.

Galleria fotograficaGalleria fotografica