Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Montebelluna, decisiva per incastrare il truffatore la segnalazione di una vittima

TRUFFA DELLO SPECCHIETTO, È ALLARME

Denunciato un 20enne catanese, è il "recordman" del raggiro


MONTEBELLUNA - I carabinieri di Montebelluna hanno identificato e denunciato un 20enne di Catania, autore della classica “truffa dello specchietto”. Il giovane è stato incastrato dalla testimonianza di una delle sue vittime che ha subito avvertito i militari del raggiro tentato. La tecnica del truffatore, già denunciato per ben due volte e per lo stesso motivo nei mesi scorsi, è sempre la stessa: a bordo della sua Fiat Punto grigia si fa superare dal veicolo della potenziale vittima e simula un danno subito allo specchietto retrovisore. Poi chiede un risarcimento senza compilare la constatazione amichevole ma chiedendo denaro contante. Un fenomeno, riferiscono i militari, in costante e preoccupante aumento.