Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/194: IN SUDAFRICA IL PENULTIMO ATTO DELL'EUROPEAN TOUR

Vittoria per l'indolo di casa Brendan Grace


Dopo il Turkish Open, giocato ad Antalya la scorsa settimana e conquistato da Justin Rose, siamo ora al Gary Player GC di Sun City (par 72) in Sudafrica, dove, dal 9 al 12 novembre, si disputa il Nedbank Golf Challenge penultimo atto dell’European Tour, e settimo degli otto eventi delle Rolex...continua

Cronaca
PILLOLE DI GOLF/193: IN OMAN SI CONCLUDE LA CORSA DEL CHALLENGE

In palio la "carta" per l'European Tour


MUSCAT - Ricordiamo brevemente cos’è il Challenge, chiamato un tempo Satellite. È un Tour organizzato dal PGA European Tour, con la serie di tornei di golf professionali. È finalizzato allo sviluppo e alla promozione degli atleti al Tour europeo, che si classificano in...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/192: JUSTIN ROSE, RIMONTA VINCENTE IN CINA

Il Wgc di Shanghai si decide solo nel giro finale


SHANGHAI - Sul percorso dello Sheshan International GC (par 72), a Shanghai, dal 26 al 29 ottobre, si è giocato il quarto e ultimo torneo stagionale, del World Golf Championship, il mini circuito mondiale, a cui sono stati ammessi appena 78 concorrenti, solo i grandi. Com’è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Jesolo, così il governatore chiude la polemica per gli insulti al ministro Kyenge

ZAIA PUNISCE STIVAL: VIA LE DELEGHE

Svolta per "evitare ogni forma di imbarazzo o strumentalizzazione"


JESOLO - “All'assessore Stival toglierò la delega all'immigrazione e la terrò io per evitare ogni forma di imbarazzo e strumentalizzazione in qualsiasi senso”. Con queste parole il governatore del Veneto pone fine alle polemiche relative alle offese espresse nei confronti del ministro per l'integrazione Cecile Kyenge. Una sorta di punizione quella imposta dal governatore. Daniele Stival manterrà le deleghe alla protezione civile, caccia e identità veneta. Queste le parole di Luca Zaia.