Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Unione dei Comuni: ripensare il territorio a livello globale

"ANNETTERE CASIER, SILEA, CARBONERA A TREVISO"

Franco Rosi lancia l'idea di una fusione ai Comuni limitrofi


TREVISO - “La fusione tra i Comuni dovrebbe esser considerata ad un livello globale, come ripensamento dell'organizzazione del territorio, anche trevigiano.” Il presidente del consiglio di Treviso, Franco Rosi, in qualità di consigliere comunale di Treviso Civica entra nel merito del nuovo processo di accorpamento dei Municipi che dovrebbe portare da gennaio 2014 al taglio di 31 Comuni trevigiani, dagli attuali 95. Processo che è già in corso tra i Comuni di Villorba e Povegliano, e quelli di San Polo e Ormelle, mentre nel quartiere del Piave si parla di una vera e propria Unione dei Comuni da 37mila abitanti per la condivisione di alcune funzioni e servizi tra le amministrazioni di Pieve di Soligo, Refrontolo, Sernaglia, Farra, Moriago, San Pietro di Feletto.

Nonostante l'Anci dichiari che non sia opportuno pensare ad estensioni di Comuni già grandi, secondo Rosi sarebbe da considerare la possibilità di annettere nell'amministrazione del capoluogo il territorio di Comuni o frazioni, prossimi a Treviso. “Credo che alcuni limitrofi, come Casier, Silea, Carbonera, possano discutere un'aggregazione con Treviso, in quanto spesso le persone che vi risiedono si trovano comunque a lavorare nel capoluogo.” sostiene Rosi. Sentiamo le ragioni.