Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Gariboldi: "Il monitoraggio pu˛ consentire risparmi al sistema sanitario"

QUASI UN TREVIGIANO SU DUE SBAGLIA A PRENDERE LE MEDICINE

Studio pilota realizzato dai farmacisti della Marca e dall'universitÓ del Kent


TREVISO - Quasi un trevigiano su due non prende le medicine secondo le prescrizioni e l'80% lamenta problemi nella terapia. Sono i primi risultati di uno studio sulla corretta assunzione dei farmaci, attuato per la prima volta in Italia a Treviso. Il progetto, battezzato I-Mur e messo a punto dal Andrea Manfrin, docente all'università del Kent, in Inghilterra, ha coinvolto una ventina di farmacie dell'Ulss 9 di Treviso: i farmacisti, tramite un apposito questionario, hanno fatto un monitoraggio dell'assunzione di farmaci sui alcuni loro clienti. (in questa prima fase pilota sono stati tenuti sotto osservazione i pazienti con malattie respiratorie). I primi risultati evidenziano una certa indisciplina, come spiega il professor Manfrin. Il sistema è già operativo in Gran Bretagna: l'obiettivo è estenderlo anche in Italia, comprendo tutto il territorio ed ampliandolo anche ad altre categorie di medicinali. Fondamentale il ruolo dei farmacisti, che, come sottolineano i rappresentanti dell'Ordine e di Federfarma, diventano consulenti inseriti nella filiera della salute, non meri venditori di medicinali. L'operazione potrebbe portare anche dei cospicui risparmi per il sistema sanitario nazionale, come ricorda Franco Gariboldi Muschietti, presidente provinciale di Federfarma.