Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

La nostra rubrica dedicata al mondo golfistico curata da Paolo Pilla

PILLOLE DI GOLF/23: I TOURS DEI PRO, L'AMERICA

Tutto sui quattro Majors, il Master di Augusta e la President Cup


TREVISO - Eccoci qui, pronti per una nuova pillola di golf! La scorsa settimana abbiamo parlato del percorso europeo, ed ora vediamo il mondo del golf americano, che è molto più ricco. La PGA of America è tanto più potente. E’ la più grande organizzazione al mondo per il lavoro sportivo, forte di 27.000 tra uomini e donne professionisti di golf, impegnati a promuovere il golf ovunque. Nata nel 1916, si compone di 41 sezioni PGA. I tornei organizzati dalla PGA America sono numerosissimi, e durante tutto il corso dell’anno; la maggior parte negli Stati uniti, ma alcuni anche in giro per il mondo, come la “PRESIDENTS CUP”, che quest’anno viene giocata a Shanghai, in Cina.

I più famosi tornei sono i quattro ricchissimi “MAJORS” attorno ai quali giostrano i rispettivi tour validi per la qualificazione. Vi partecipano i più forti giocatori del mondo, la cui grandezza è misurata appunto dal numero di major vinti. Ed eccoli:

-Il PGA champions che si disputa in agosto, l’ultimo dei quattro Major, e per questo soprannominato “L’ultima occasione per la gloria”;

- l’Open championship, (il British Open) il più antico tra i quattro Major, e unico disputato fuori dagli Stati Uniti; si tiene a luglio sui “links” inglesi o scozzesi, vicino al mare, in cui il vento è un fattore dominante, ed è organizzato dal “Royal and Ancient Golf Club of St. Andrew”;

- l’U.S. Open che si gioca in giugno su lunghi percorsi, con fairway  stretti, green veloci, il rough con l’erba tagliata molto alta, e con regole per la qualificazione molto severe;

- il Masters, il più importante. A differenza degli altri tre, “THE MASTERS”, si gioca in aprile sempre sullo stesso percorso, all’Augusta National Golf Club in Georgia. Possono partecipare solo i migliori 60 giocatori del ranking mondiale, oltre ai vincitori dei Masters precedenti. A conquistare il titolo per il 2013, è stato l’australiano Adam Scott, che con la vittoria, è divenuto membro dell’Augusta National, a vita. Alla premiazione gli è stata fatta Indossare la “green jacket” che potrà tenere tutto l’anno, per riconsegnarla al Club in occasione del Masters successivo, e si è messo in tasca 1.440.000$ dal montepremi di 7,25 milioni. Attenzione, però! Se si guarda l’aspetto economico, non sono questi i tornei più ricchi in assoluto; sono superati da quelli del the Players Championship, dei tre tornei del World Golf Championships. E’ doveroso aggiungere che il denaro vinto è sicuramente importante, ma aldilà dei soldi guadagnati, dei tornei vinti, della popolarità che ha acquisito, il massimo del prestigio per un professionista, quello che gli cambia la vita, è l’aver vinto un MAJOR. E’ lì che trova la più grande soddisfazione.

La vittoria nello stessa stagione dei quattro attuali Major, il fantastico “Grand Slam”, ancora non è riuscita a nessuno. L’unico di tutti i tempi che si possa considerare essere stato all’altezza è stato Robert Tyre Jones Jr. il famoso Bobby Jones, che nel 1930 da dilettante, vinse i quattro tornei più importanti della sua epoca, quando ancora non esisteva il Masters. L’eclettico Bobby, golfista amateur, ingegnere e avvocato, seppur di gracile costituzione, negli anni della sua miglior forma, dominò le gare dei dilettanti, e dette parecchio filo da torcere anche ai professionisti. Fu lui a ideare il Masters, e a disegnare l’Augusta National, campo che ha poi sempre ospitato il torneo. Ci sono stati cinque giocatori che hanno vinto i quattro Majors moderni, ma non nella stessa stagione, e quindi niente “Grand Slam”. Per il loro risultato, che è comunque grande, è stata coniata la definizione “Career Grand Slam”, e sono: Gene Sarazen, Ben Hogan, Gary Player, Jack Nicklaus e Tiger Woods. Gli ultimi due hanno vinto per ben tre volte, ciascuno dei quattro Majors. Oltre ai Majors, tra i grandi tornei c’è la “President Cup”, gara match play, che vede in contrapposizione la squadra americana contro un team internazionale rappresentato dal resto del mondo tranne l’Europa. Si svolge ogni due anni, negli anni dispari, alternativamente negli Stati Uniti e in uno dei paesi rappresentati dal team internazionale. Il resto del mondo, dicevo, perché la sfida con l’Europa si gioca negli anni pari: La Ryder Cup (The Ryder Cup Matches). E’ questo il torneo di golf a squadre più sentito dagli europei, ma anche da molti americani, che vede in tenzone le selezioni di giocatori statunitensi contro gli europei.

E di questa sfida parleremo la prossima volta.

“Talking to a golf ball won’t do you any good. Unless you do it while your opponent is teeing off” Parlare con una palla da golf non vi porterà nulla di buono. Tranne nel caso lo facciate nel momento in cui il vostro avversario sta eseguendo il colpo. (Jack Nicklaus)

Paolo Pilla


Galleria fotograficaGalleria fotografica

 

Notizie collegateNOTIZIE COLLEGATE Notizie collegate
17/07/2013 - Pillole di golf/22: i tours dei Pro, l'Europa
10/07/2013 - Pillole di golf/21: i professionisti, il giocatore
03/07/2013 - Pillole di golf/20: il rapporto con il maestro
26/06/2013 - Pillole di golf/19: i professionisti, il Maestro
19/06/2013 - Pillole di golf/18: uno sport costoso?
12/06/2013 - Pillole di golf/17: i campi pubblici
05/06/2013 - Pillole di golf/16: i campi pratica
29/05/2013 - Pillole di golf/15: i campi in Veneto
21/05/2013 - Pillole di golf/14: i campi in Italia
14/05/2013 - Pillole di golf/13: campi da golf e natura
01/05/2013 - Pillole di golf/12: l'anima socializzante
24/04/2013 - Pillole di golf/11: l'etichetta
17/04/2013 - Pillole di golf/10: Uno sport, tante regole
10/04/2013 - Pillole di golf/9: l'agonismo
03/04/2013 - Pillole di golf/8: Gioco o sport?