Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/190: L'OPEN D'ITALIA 2017 È DA RECORD

Davanti a 73mila spettatori, vince l'inglese Hatton


MONZA - Eccoci giunti all’attesissimo evento, la manifestazione golfistica cardine sul territorio italiano! Preceduto da festeggiamenti, si è celebrato, dal 12 al 15 ottobre il 74° Open d’Italia, al Golf Club Milano. I più forti professionisti mondiali di Golf si son...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/189: CAMPI PRATICA, COLONNA PORTANTE DELLO SPORT

A Ca' della Nave il torneo dell'associazione dei club


MARTELLAGO - È con simpatia, che sabato 30 settembre il Golf Club Cà della Nave ha accolto l’Associazione Campi Pratica per una gara stableford a tre categorie, settima degli otto incontri della serie TROFEO, che a turno ogni Circolo appartenente all’associazione,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/188: TUTTO PRONTO PER L'OPEN D'ITALIA 2017

Al Parco di Monza il torneo del massimo circuito europeo


TREVISO - Il 74° Open d’Italia sta per andare in scena; è il principale evento sportivo nazionale legato alla Ryder Cup 2022, la sfida fra Europa e Stati Uniti, in programma fra cinque anni al Marco Simone Golf & Country Club. È il primo Open d’Italia con un...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Cusignana, raptus alle 17.34, la studentessa ha utilizzato la Beretta del genitore

PRIMA LA LITE POI LE PISTOLETTATE LA 17ENNE VOLEVA UCCIDERLO

Il padre è fuori pericolo, la ragazza in silenzio durante l'interrogatorio


GIAVERA DEL MONTELLO - Tutto è cominciato con una furibonda lite con il padre 76enne, noto imprenditore, che era da pochi minuti tornato a casa dall'azienda di cui è proprietario. Poi il raptus, violentissimo, della figlia, una ragazza che proprio oggi avrebbe festeggiato i 17 anni di età. I due sono da tempo ai ferri corti: lei lo accusa da tempo, pare, di volerla controllare in modo eccessivo, perfino leggendo gli sms che arrivano sul suo telefono cellulare. Un rancore che nel tempo diventa una bomba pronta ad esplodere. Sono le 17.34 di ieri quando alcuni vicini sentono degli spari provenire dalla villa di Cusignana, in cui padre e figlia vivono. A sparare era stata la ragazza. Dopo lo scontro verbale con il genitore, avvenuto in cucina, la giovane aveva preso la pistola dalla stanza da letto del genitore, una Beretta, lo ha seguito fino al garage e poi ha esploso un primo colpo che ha colpito l'uomo alla gamba sinistra. Poi altre due pistolettate all'esterno, sul vialetto d'ingresso, al braccio sinistro e poi alla testa, colpi che hanno fatto stramazzare il padre a terra, in una pozza di sangue. Altri due colpi saranno trovati inesplosi. La ragazza, sotto choc, attendeva per le 17.40 la zia che avrebbe dovuto accompagnarla ad una lezione di volo. Quando la donna suona al campanello la giovane le dice: “Il papà sta morendo”. Alle 17.43 giungono sul posto i carabinieri, preceduti di qualche istante dall'elicottero del Suem118 che ha trasportato il ferito al Ca' Foncello: l'imprenditore è stato sottoposto a due delicati interventi chirurgici ma non è più in pericolo di vita. Non appena si riprenderà i carabinieri ascolteranno la sua versione dei fatti. Poco dopo le 21 la ragazza, quasi sempre impassibile, lascia la villa di Cusignana e viene portata a Mestre per essere interrogata dal pm della Procura per i minori. La 17enne, difesa dall'avvocato Massimo Montino, si è avvalsa della facoltà di non rispondere ed ha passato la notte presso il carcere minorile di Santa Bona. Domani la minorenne sarà sentita nell'udienza di convalida del fermo. L'accusa, pesantissima, è tentato omicidio. Nella giornata di oggi ritornerà in Italia anche la madre della ragazza che si trovava in vacanza con l'altro figlio: anche lei sarà sentita dagli investigatori.