Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Sopra il valico trevigiano ogni anno passano centinaia di migliaia di volatili

SUL MONTE PIZZOC UNA STAZIONE PER IL RILEVAMENTO DEGLI UCCELLI MIGRATORI

Progetto pilota in Veneto per censire gli stormi diretti in Africa


TREVISO - Il monte Pizzoc è uno dei principali corridoi di passaggio degli uccelli migratori. Sul monte sopra Vittorio Veneto verrà installata una delle prime stazioni di rilevemanto dei flussi di volatili del Veneto: in concreto, ad ottobre (periodo di maggior passaggio), per circa un mese gli uccelli verranno catturati con apposite reti, ne verrà esaminato lo stato di salute, verranno dotati di un anello di riconoscimento e poi liberati. A coordinare la campagna, l'ornitologo trevigiano Francesco Mezzavilla, che da quasi un decennio compie osservazioni in quel luogo. Il progetto è stato reso possibile grazie alla collaborazione di Provincia, di Regione e dell'associazione Libera caccia. Le finalità sono assolutamente scientifiche, assicurano i responsabili, e gli animali non subiranno alcun danno. In questo senso, il coinvolgimento dell'organizzazione venatoria non è una contraddizione: "I cacciatori - hanno spiegato i rappresentanti dell'associazione - sono i primi a chiedere dati certi sulla consistenza delle fauna". Sul Pizzoc ogni anno, in autunno, transitano in volo centinaia di migliaia di uccelli: tra le specie più frequenti tordi, passeri, fringuelli, peppole. L'auspicio è che la postazione possa costituire il primo nucleo di un futuro osservatorio permanente gestito dalla Regione.