Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Giavera, nei prossimi giorni sarą dissequestrata dal gip la villa di Cusignana

PEGGIORANO LE CONDIZIONI DELL'IMPRENDITORE 76ENNE

Colpito con tre spari: concreto rischio di lesioni cerebrali permanenti


GIAVERA DEL MONTELLO - Peggiorano sensibilmente le condizioni dell'imprenditore di 76 anni che mercoledì scorso era stato colpito, nella sua abitazione di Cusignana di Giavera, da tre colpi di pistola esplosi dalla figlia 17enne, poi arrestata per tentato omicidio dai carabinieri ed ora in carcere a Pontremoli. L'uomo, la cui prognosi resta ancora riservata, sarà tenuto per circa 15 giorni in coma farmacologico presso il reparto di terapia intensiva dell'ospedale Ca' Foncello per verificare l'entità delle lesioni riportate soprattutto alla testa, colpita dall'ultima pallottola sparata dalla ragazza. A preoccupare sono in particolare alcuni frammenti della pallottola calibro 22 che i medici non sono riusciti ad estrarre nelle operazioni chirurgiche a cui il 76enne è stato sottoposto. Il rischio più che concreto è che l'anziano possa aver subito lesioni cerebrali permanenti che non consentano più agli investigatori di potersi avvalere della sua testimonianza di quanto accaduto nella villa di Cusignana. Nei prossimi giorni intanto il giudice del tribunale per i minori di Venezia ordinerà il dissequestro dell'area.