Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/240: A DONNAFUGATA IL CAMPIONATO INDIVIDUALE AIGG 2018

I giornalisti golfisti si sfidano in Sicilia


DONNAFUGATA - Il maltempo aveva imperversato fino il giorno prima, e continuava a devastare parte della Sicilia. Non eravamo in molti giornalisti praticanti di golf provenienti da mezza Italia, a prendere il coraggio e andar a sostenere il Campionato già da tempo programmato. Donnafugata, il...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/239: DAGLI USA LA NUOVA PROMESSA AZZURRA

Virginia Elena Carta vince il Landfall Traditional


La giovane italiana Virginia Elena Carta trionfa nel Landfall Traditional, prestigioso torneo del campionato universitario americano.  È il 30° successo azzurro in campo internazionale: nuovo record in una stagione. Conosco Virginia, son passati molti anni da quando ebbi...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/238: IL CAMPIONATO ITALIANO DI DOPPIO DELL'AIGG

Al club Chervò il torneo intitolato a Paolo Dal Fior


SIRMIONE - Concluso il Challenge AIGG che ci ha portato a giocare sui più bei Campi d’Italia, e insabbiata la Coppa delle Nazioni dall’esito meno brillante per la squadra dell’Italia (sesto posto), vinta dalla Germania a Villa Carolina, era ora la volta del Campionato...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Finora un centinaio di manifestazioni all'anno: sconti sulle imposte per 30mila euro

IL PATROCINIO DEL COMUNE SOLO AD EVENTI SELEZIONATI

Allo studio un regolamento: criteri più rigidi per la concessione


TREVISO - Stop al patrocinio del Comune a qualunque sagra, convegno improbabile, torneo sportivo. Ca' Sugana inaugura una linea di maggior rigore nella concessione del proprio patronato ufficiale: l'amministrazione sta mettendo a punto un apposito regolamento, per dettare criteri più rigorosi per chi ambisce ad organizzare una manifestazione sotto l'egida comunale. In passato, tali eventi ammontavano a circa un centinaio all'anno in media, ma - ammette l'assessore alla Cultura Luciano Franchin -, individuati spesso con criteri non troppo precisi. Due le motivazioni alla base della nuova linea. La prima è di natura economica: il patrocinio consiste in uno sconto di circa il 50 per cento sugli oneri per le affissioni dei manifesti e in agevolazioni su altre imposte, come l'occupazione di suolo pubblico o l'affitto di sale pubbliche. Il mancato incasso dovuto alle riduzioni della tassa sulle affissioni è quantificato in circa 4mila euro l'anno scorso, a cui vanno sommati poi gli altri benefici, per un totale intorno ai 30mila euro di minori entrate. Risorse di cui lo stesso Comune potrebbe essere chiamato a rispondere dalla Corte dei conti, nel caso di concessioni prive di ragioni solide. Ma soprattutto in Municipio vogliono fare in modo che l'“imprimatur” istituzionale possa andare solo ad avvenimenti di comprovata qualità e con finalità rivolte alla cittadinanza.