Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il termine per la scarcerazione che scade il 3 settembre sarą prolungato di 12 mesi

IL MINISTERO RASSICURA: "STAFA NON SARĄ RIMESSO IN LIBERTĄ"

Ad affermarlo il sottosegretario alla Giustizia, Giuseppe Baretta


GORGO AL MONTICANO - Il Ministero della Giustizia rassicura: sarà fatto tutto quanto necessario per evitare il rischio che Naim Stafa, il 39 enne albanese considerato l’istigatore del massacro dei coniugi Pellicciardi di Gorgo al Monticano, possa tornare in libertà per decorrenza dei termini massimi di custodia cautelare. Il sottosegretario Giuseppe Berretta, rispondendo oggi in Commissione alla Camera all’interrogazione presentata dall’on. Simonetta Rubinato, ha comunicato che il Presidente della sezione feriale della Corte di assise di appello e il Procuratore Generale presso la Corte di appello di Venezia hanno assicurato che il giudizio di rinvio sarà fissato con la massima urgenza, non appena perverrà il fascicolo del procedimento, inviato a Venezia dalla Cassazione proprio oggi. E ha altresì escluso che ci siano stati dei ritardi ingiustificati nella trattazione complessiva del procedimento. “Proprio la scorsa settimana, incontrandola alla Camera, avevo richiamato l'attenzione del Ministro Cancellieri su una vicenda giudiziaria che desta sconcerto e preoccupazione nell'opinione pubblica, sollecitando una risposta non burocratica alla mia interrogazione - afferma la deputata trevigiana del Pd -. Ritengo positivo il fatto che dalla risposta del Ministero si ha la conferma che esiste la volontà di concludere questo processo nei tempi più brevi possibili”. Il sottosegretario Berretta ha infatti ricordato che il termine massimo di sei anni di custodia cautelare per l’imputato Stafa, che scade il 3 settembre 2013, dovrà essere prolungato di circa 12 mesi. “Il 3 settembre 2014 può sembrare lontano – ha dichiarato a seguito della risposta in Commissione l’on. Rubinato – ma è necessario siano messe in atto tutte le iniziative utili ad avere una sentenza definitiva prima di quella data. Se Stafa tornasse in libertà per mere questioni di interpretazione giuridica sarebbe infatti un tragico fallimento per la Giustizia e per lo Stato”.