Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Carbonera, vittima un 20enne che riesce a dare l'allarme al 113, raid per un debito

DEBITO NON PAGATO, PICCHIATO E MINACCIATO CON UN'ACCETTA

Arrestati per sequestro di persona e lesioni due uomini di 30 e 40 anni


CARBONERA - Pestato a sangue con calci e pugni, preso a manganellate al volto e minacciato con un'accetta. Notte di paura per un 20enne di Carbonera, malmenato selvaggiamente da un 30enne di origini romane, Daniele Grottanelli e da un 40enne trevigiano, Ivan Pozzobon. Entrambi sono stati arrestati dalla polizia per sequestro di persona e lesioni aggravate. E' proprio la vittima dell'agguato ad essere riuscito a dare l'allarme al 113 poco prima del pestaggio; gli aggressori hanno poi lanciato il suo cellulare fuori dal finestrino, impedendogli di fornire indicazioni più precise su dove si trovasse. Le volanti, dopo un'ora di ricerche, hanno rintracciato verso le 23 un'auto, una Alfa Romeo, in una zona di campagna: a bordo c'era il 20enne ancora in balia dei suoi due aguzzini che sono stati subito bloccati ed ammanettati. Il ragazzo, sotto choc e ferito, è stato portato al pronto soccorso del Ca' Foncello ed ha riportato lesioni per una prognosi di 15 giorni. All'interno del mezzo è stata recuperata l'accetta, un manganello, sassi ed altro materiale. A provocare quella che ha tutti i crismi della spedizione punitiva sarebbe stato un debito di duemila euro che il 20enne avrebbe accumulato con i due aggressori. Del caso si occuperà ora anche la squadra mobile di Treviso.

Galleria fotograficaGalleria fotografica