Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Carbonera, vittima un 20enne che riesce a dare l'allarme al 113, raid per un debito

DEBITO NON PAGATO, PICCHIATO E MINACCIATO CON UN'ACCETTA

Arrestati per sequestro di persona e lesioni due uomini di 30 e 40 anni


CARBONERA - Pestato a sangue con calci e pugni, preso a manganellate al volto e minacciato con un'accetta. Notte di paura per un 20enne di Carbonera, malmenato selvaggiamente da un 30enne di origini romane, Daniele Grottanelli e da un 40enne trevigiano, Ivan Pozzobon. Entrambi sono stati arrestati dalla polizia per sequestro di persona e lesioni aggravate. E' proprio la vittima dell'agguato ad essere riuscito a dare l'allarme al 113 poco prima del pestaggio; gli aggressori hanno poi lanciato il suo cellulare fuori dal finestrino, impedendogli di fornire indicazioni più precise su dove si trovasse. Le volanti, dopo un'ora di ricerche, hanno rintracciato verso le 23 un'auto, una Alfa Romeo, in una zona di campagna: a bordo c'era il 20enne ancora in balia dei suoi due aguzzini che sono stati subito bloccati ed ammanettati. Il ragazzo, sotto choc e ferito, è stato portato al pronto soccorso del Ca' Foncello ed ha riportato lesioni per una prognosi di 15 giorni. All'interno del mezzo è stata recuperata l'accetta, un manganello, sassi ed altro materiale. A provocare quella che ha tutti i crismi della spedizione punitiva sarebbe stato un debito di duemila euro che il 20enne avrebbe accumulato con i due aggressori. Del caso si occuperà ora anche la squadra mobile di Treviso.

Galleria fotograficaGalleria fotografica