Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Manildo: "Lo stadio Tenni? Potremmo farne un parco pubblico"

ADDIO TREVISO CALCIO, NON C'È PIÙ TEMPO PER IL SALVATAGGIO

Frandoli - Lucchese si arrendono, dei milanesi nessuna traccia


TREVISO - E' ormai all'epilogo la storia del Treviso calcio. E, salvo un improbabile miracolo in estremis, non sarà un happy end. Delle due cordate che nelle scorse settimane si erano dette interessate a far ripartire il club biancoceleste, una, quella che faceva capo a Giangiuseppe Lucchese e Walter Frandoli, ha dovuto alzare bandiera bianca. I due ex dirigenti avevano a lungo lavorato per mettere assieme un gruppo di cinque imprenditori locali: la compagine avrebbe stanziato circa 370mila euro, altri 130mila, sotto forma di sponsorizzazione, li avrebbe garantiti il gruppo industriale di Massimo Zanetti, ed in questo modo sarebbe stato possibile affrontare una stagione in Eccellenza. Ma nella riunione di mercoledì, convocata per confermare l'impegno, uno di questi imprenditori si è tirato indietro, facendo di fatto naufragare il progetto.

Dell'altra cordata, dietro cui si celeva la Wind4Win, società milanese attiva nel campo turistico, invece, si sono perse le tracce. Il sindaco Giovanni Manildo ha atteso invano l'integrazione della documentazione richiesti: la composizione del nuovo organigramma del club e le garanzie per la sostenibilità economica. Il primo cittadino non dispera, ma il termine per la consegna della documentazione in Figc, lunedì alle 12, è ormai imminente.

Per la prima volta nella storia recente, dunque, Treviso città rischia di restare senza una squadra di calcio di vertice e il Tenni di rimanere chiuso. Tanto che, se non dovesse profilarsi una nuova società a breve, già si parla del possibile futuro dell'impianto: lo stesso Manildo ha ventilato l'ipotesi di una trasformazione in parco pubblico.