Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

La nostra rubrica dedicata al mondo golfistico curata da Paolo Pilla

PILLOLE DI GOLF/24: LA RYDER CUP

Dal 1927 una delle competizioni più prestigiose in assoluto


TREVISO - Continua il nostro viaggio nel mondo del golf. Oggi parliamo di una delle competizioni più antiche e prestigiose, la Ryder Cup

 

The Ryder Cup Matches è il torneo di golf maschile a squadre, che vede in tenzone la selezione di giocatori statunitensi contro gli europei. Si svolge ogni due anni, negli anni pari. Iniziata nel 1927, come sfida tra America e Gran Bretagna, vedeva quest’ultima quasi sempre sconfitta. Dal 1979, alla Gran Bretagna si è unita l’Europa continentale, e si è sempre giocato, salvo le interruzioni determinate dallo scoppio della seconda guerra mondiale dal ’39 al ‘45 e dal disastro dell’11 settembre 2001. Negli anni di spettanza del vecchio continente, il match ha avuto luogo pressoché sempre nei campi da golf britannici con l’unica eccezione nel ’97 al Valderrama GC di Sotogrande in Spagna, per dar tributo a Severiano Ballesteros che aveva raggiunto il primo posto nella classifica mondiale; il match fu vinto dagli europei per 14½ a 13½. Divenuta l’Europa antagonista degli S.U. nel torneo, le sorti si sono equilibrate, anzi c’è stato con più frequenza il successo da parte europea. In tre occasioni ebbe a partecipare, primo italiano, il nostro grande Costantino Rocca, che nel ’95, Europa vincente, fece la sua spettacolare “hole in one”. Per inciso, nell’incontro di singolo del ‘79, Rocca ha avuto la meglio su Tiger Woods. Anche i fratelli Edoardo e Francesco Molinari hanno partecipato alla Ryder Cup, con la squadra europea, nel 2010. Nella gara fourball che avevano giocato assieme, conquistarono ½ punto che valse la vittoria all’Europa. L’edizione (2012), disputata in America a Medinah – Illinois, vide vincitori gli europei, capitano lo spagnolo José Maria Olazàbal, per 14 ½ a 13 ½.

Ecco l’attuale formula della Ryder Cup, che si svolge alternativamente in Europa ed in America: Dodici sono i giocatori per ogni Continente, tre le giornate di gioco, di norma venerdì, sabato e domenica; nelle prime due vengono giocati quattro incontri di formula foursome e quattro di fourball; nella terza giornata tutti i dodici giocatori si sfidano con gli avversari in incontri singoli. I punti in palio sono 28, e se un match finisce in parità, viene assegnato mezzo punto a ciascuna squadra. In caso di pareggio, il trofeo rimane alla nazione detentrice; tuttavia è molto difficile che ciò avvenga. Il primo pareggio a verificarsi fu nel ’69, passato alla storia per la generosità di Jack Nicklaus, che concesse un putt da 70 centimetri a Tony Jacklin. Il campione fu aspramente criticato dalla stampa americana, e lui si sentì il dovere di giustificare la sua azione asserendo: “La Ryder Cup non può decidersi con un solo putt, gravando esclusivamente su di un giocatore”……. Vada il pensiero del lettore, sul significato di un colpo di golf che sposta milioni di dollari!

Per noi italiani è sicuramente la gara più avvincente, la viviamo da tifosi, e quando viene giocata, molti golfisti sono incollati al televisore. La prossima Ryder Cup, che sarà disputata dal 26 al 28 settembre 2014 al PGA Centenary Course del Gleneagles, vede già oggi selezionate 1.800 domande di volontari, provenienti da 27 Paesi di tutto il mondo, per collaborare alla manifestazione. La cosa fa chiaramente intendere quanto sia sentito l’incontro, in Europa e nel resto del mondo.

Per la storia, la sfida ebbe inizio ufficialmente nel 1927 al Worcester Country Club nel Massachusetts, che valse agli inglesi una sonora sconfitta per 9 ½ a 2 ½. Ma il vero e proprio esordio, in realtà, era avvenuto qualche anno prima, nel ‘21, proprio al Gleneagles nel Perthshire. Nell’intento di allora c’era il desiderio di creare il più grande spettacolo nella storia del golf. Considerato che all’epoca le strutture alberghiere erano carenti, si narra che gli americani si accontentassero di essere alloggiati nelle carrozze ferroviarie. Il posto tuttavia era di tale bellezza, che tutti decretarono la volontà di ripetere l’incontro. Ecco la futura nascita della Ryder Cup, ed ecco l’espressione del gioioso sentimento degli scozzesi che, per l’incontro del 2014, sentono il ritorno a casa della manifestazione.

Un po’ di storia di questo luogo: Il Gleneagles nasce come albergo di campagna, in un sito dalla bellezza unica. Promotore, nel 1910, Donald Matheson, Direttore Generale della Compagnia ferroviaria della Caledonia in vacanza nella regione, che rimase così impressionato dalla bellezza di quella valle, da fargli venire l’idea di un grande albergo di campagna che avesse ad interessare i viaggiatori golfisti: “Gli ospiti potranno viaggiare sui nostri treni, rimanere nel nostro hotel, giocare a golf sui nostri campi …..”. Ancora oggi, infatti, è considerato da molti il miglior Golf Resort del mondo, che ha come partner le eccellenze di Germania, Svizzera, e, in Italia, Villa d’Este al lago di Como. Oltre al golf vengono praticate altre attività, tra cui la falconeria in eccellenza. Costruito su un territorio di sabbia e ghiaia così come lasciate dallo scioglimento dei ghiacci del neozoico, con l’apporto della torba prodotta in loco, è diventato oggi un sito con tre dei più bei campi di Scozia: Il PGA Centenary Course, il King’s Course, ed il Queen’s Course, che giacciono incorniciati da boschi, fossati, e caratteristiche brughiere. Se nel percorrere i fairwai c’è il piacere di camminare in leggerezza su di un tappeto erboso sodo ed elastico, tutto accanto si rivive il paesaggio naturale con le sue creste di ghiaia.

Golf: gioco in cui una pallina di quattro centimetri di diametro viene piazzata su una palla di quarantamila chilometri. L'intenzione è quella di colpire la pallina più piccola e non quella più grande. John Cunningham

 

Paolo Pilla


Galleria fotograficaGalleria fotografica

 

Notizie collegateNOTIZIE COLLEGATE Notizie collegate
24/07/2013 - Pillole di golf/23: i tours dei Pro, l'America
17/07/2013 - Pillole di golf/22: i tours dei Pro, l'Europa
10/07/2013 - Pillole di golf/21: i professionisti, il giocatore
03/07/2013 - Pillole di golf/20: il rapporto con il maestro
26/06/2013 - Pillole di golf/19: i professionisti, il Maestro
19/06/2013 - Pillole di golf/18: uno sport costoso?
12/06/2013 - Pillole di golf/17: i campi pubblici
05/06/2013 - Pillole di golf/16: i campi pratica
29/05/2013 - Pillole di golf/15: i campi in Veneto
21/05/2013 - Pillole di golf/14: i campi in Italia
14/05/2013 - Pillole di golf/13: campi da golf e natura
01/05/2013 - Pillole di golf/12: l'anima socializzante
24/04/2013 - Pillole di golf/11: l'etichetta
17/04/2013 - Pillole di golf/10: Uno sport, tante regole
10/04/2013 - Pillole di golf/9: l'agonismo