Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Treviso, riconosce la foto sul giornale e premette alla squadra mobile di identificarla

"NONNA-DETECTIVE" RICONOSCE LA NOMADE CHE L'AVEVA DERUBATA

Carla Ballanzin, 80 anni, aveva subito un furto in casa a febbraio


TREVISO - Ha riconosciuto la nomade che a febbraio l'aveva derubata di ori e gioielli nella sua abitazione di via Veronese a Treviso, grazie ad una foto comparsa sul giornale, lo scorso 21 giugno. Grazie al fiuto investigativo di un'ottantenne trevigiana, Carla Ballanzin, la squadra mobile di Treviso ha così potuto attribuire ad una 21enne pluripregiudicata, Giuseppa Sesta, già reclusa nel carcere di San Vittore a Milano, anche questo colpo in terra trevigiana. L'anziana, conosciuta nella zona per l'hobby di creare splendide composizioni in cartoncino che solitamente regala ai vicini, aveva conosciuto la nomade (si faceva chiamare Luisa) casualmente lo scorso mese di febbraio. La 21enne, ottenuta la simpatia dell'80enne, è riuscita ad entrare nella sua abitazione con una complice: il pretesto era quello di un saluto ma in realtà la giovane, distratta la padrona di casa, ne ha approfittato per rubarle i gioielli. L'anziana, allontanata con la scusa del classico “bicchier d'acqua”, si è resa conto ben presto delle intenzioni delle zingare: pur in lontananza le aveva infatti sentito parlare, circospette, in una lingua straniera sconosciuta. Quando l'80enne si è resa conto del furto era ormai troppo tardi: non le è rimasto che contattare la polizia e denunciare l'episodio. A distanza di oltre quattro mesi la donna è riuscita a riconoscere la ladra prima sulle pagine di un quotidiano e quindi da un album fotografico che le è stato mostrato dagli investigatori della squadra mobile, coordinati dal dottor Enrico Biasutti.