Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/246: DAL 2019 IN VIGORE LE NUOVE REGOLE DI GIOCO

Le norme ridotte a 24: ecco le principali novità


TREVISO - Erano trentaquattro le Regole del Golf; erano tante, e soprattutto abbastanza complicate da ricordare, per il neofita che le doveva capire, memorizzare, e poi correttamente applicare.Dal 1° gennaio 2019 sarà in uso una versione rivisitata, principalmente finalizzata ad una...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Carbonera, entrambi negano il sequestro di persona, le loro versioni sono al vaglio

IL 20ENNE DI VASCON AGGREDITO PER UN DEBITO DI 4MILA EURO

Interrogati stamani dal gip Daniele Grottanelli e Ivan Pozzobon


TREVISO - Il gip Mascolo del tribunale di Treviso ha convalidato l'arresto di Daniele Grottanelli, 30enne di origini romane e Ivan Pozzobon, 40enne trevigiano. Entrambi, arrestati dalla polizia nella serata di giovedì dopo aver malmenato e minacciato un 20enne di Vascon, Marco Toffoletto, sono accusati di sequestro di persona e lesioni aggravate. I due uomini, ancora rinchiusi nel carcere di Santa Bona, hanno deciso di rispondere alle domande del giudice per le indagini preliminari: negano il sequestro di persona e l'utilizzo del manganello per picchiare il 20enne ma soprattutto hanno fornito una prima motivazione al pestaggio. Grottanelli e Pozzobon vantavano nei confronti del ragazzo un credito di circa 4mila euro, accumulato nel tempo. Le loro versioni e quella fornita dalla vittima del pestaggio ancora non convincono pienamente gli investigatori. Ulteriori accertamenti per verificare i racconti dei protagonisti di questo caso saranno svolti nelle prossime ore dalla squadra mobile. L'avvocato Letizia Perpinel, legale difensore di Daniele Grattanelli e Ivan Pozzobon, ha già presentato richiesta di riesame per entrambi i suoi assistiti, chiedendone la scarcerazione.