Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Abolito il contestatissimo documento sulla responsabilità tributaria

IL SENATO CANCELLA IL DURT ESULTANO GLI IMPRENDITORI DI MARCA

Pozza (Confartigianato): "Posto rimedio ad una provocazione"


TREVISO - “E' stato posto rimedio ad una vera e propria provocazione”. Così Mario Pozza, presidente della Confartigianato della Marca, accoglie l'abolizione del Durt, decisa dalle Commissioni Affari Costituzionali e Bilancio del Senato. Il Documento unico di responsabilità tributaria era una certificazione che avrebbe dovuto essere richiesta, in particolare, alle aziende intenzionate a partecipare ad appalti pubblici. L'ulteriore adempimento, sommandosi ad una burocrazia già colossale, aveva suscitato una levata di scudi in pressoché tutte le associazioni imprenditoriali.

“La soluzione però rimane incompleta se non sarà accompagnata dalla definitiva soppressione della responsabilità solidale negli appalti, ulteriore macigno sulla strada delle imprese, del lavoro e dello sviluppo”, ribadisce il leader degli artigiani della Marca. La Confartigianato della Marca, nei giorni scorsi, prima passo indietro deciso a palazzo Madama, aveva minacciato anche una manifestazione di piazza dei piccoli imprenditori, a Treviso, contro il provvedimento. “La fermezza, la decisione dell’artigianato e delle piccole imprese hanno contribuito al cambio di rotta – esulta Pozza -. Ma riteniamo comunque insopportabile l’attuale livello di pressione fiscale e di oppressione burocratica e di discriminazioni verso la piccola e microimpresa”.